Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Maggio - ore 18.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Museo archeoastronomico nel Parco, le ragioni di Tedeschi

Museo archeoastronomico nel Parco, le ragioni di Tedeschi

Golfo dei Poeti - Ieri pomeriggio a Genova, a Palazzo ducale,, il presidente del Parco di Montemarcello-Magra-Vara, Pietro Tedeschi, h preso parte all'audizione della “Commissione di studio del Ministero per i Beni e le attività culturali (MIBAC) per la gestione complessa del patrimonio culturale attraverso Reti Museali e Sistemi Territoriali” per chiedere il riconoscimento di parte del territorio del Parco quale 'Museo Archeoastronomico'.
Il presidente ha introdotto inizialmente il Parco descrivendo l'intero territorio che va dalla boscosa e selvaggia Val di Vara all’ampia Val di Magra, per giungere al Caprione.
“Quest’ultimo lembo della Liguria - ha osservato - è ricco di cultura e storia: da 2.000 anni illustri poeti hanno soggiornato in questo territorio dal quale hanno tratto ispirazione, da Marziale a Quasimodo, passando per Dante, Shelley, Byron, Lawrence, Sereni... Numerose sono poi le testimonianze storiche rintracciabili sul Promontorio: la Villa Romana di Bocca di Magra, il sito di Carbognano a Lerici, l’Orto Magno a Pugliola di Lerici, i resti medioevali dei due borghi di Portesone e Barbazzano a Lerici, la Necropoli preromana di Cafaggio ad Ameglia ed infine la Torre di Groppina a Tellaro".

Per Tedeschi la creazione di un 'Museo Archeoastronomico' è una via auspicabile e positiva per diversi fattori. Eccoli: la presenza del tetralite di San Lorenzo dove al tramonto, nel periodo del solstizio d’estate che va dal 12 maggio al 26 luglio, si forma la farfalla di luce dorata, evento unico al mondo, illustrato in questi ultimi vent’anni in molti convegni internazionali; la presenza delle costruzioni a tholos, dialettalmente note come “cavanei” (dalla voce celtica cabhan – luogo rotondo); la presenza di una chiesa del XIII secolo, oggi un rudere, costruita secondo i dettami dell’archeoastronomia cristiana.
"In sostanza, l’arricchimento del valore semantico del Parco comporterebbe un valore aggiunto di paleoastronomia - astronomia della preistoria, prima dell’avvento della scrittura -, archeoastronomia cristiana medievale", conclude il presidente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News