Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 20 Gennaio - ore 14.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Buffalo Bill o Mantegazza? L'aneddoto da godersi lungo il sentiero

Una somiglianza che oltre un secolo fa suscitò qualche perplessità.

Il west a Spezia
Buffalo Bill o Mantegazza? L'aneddoto da godersi lungo il sentiero

Golfo dei Poeti - Passando per San Terenzo, l'applicazione Loquis, che fornisce la colonna sonora al Sentiero delle parole, non può non parlare di un cittadino illustre come Paolo Mantegazza. Originario di Monza, dove era nato nel 1831, Mantegazza era spirito e genio poliedrico e un vero giramondo. Medico, fisiologo, neurologo, darwiniano convinto, precursore della letteratura fantascientifica con L'anno 3000: il sogno, e ancora sessuologo, “sperimentatore di droghe” - parla di Loquis -, giovanissimo ribelle risorgimentale e poi parlamentare del giovane Regno d'Italia. Legatissimo a San Terenzo, sua residenza estiva, Mantegazza ha passato alcuni anni in Sud America “dove è considerato uno scrittore di culto”, ricorda la traccia audio – lamentando altresì una non così calda stima in patria - che accompagna i viaggiatori sul Sentiero, di recente inaugurazione. Legata a Mantegazza anche la denominazione Golfo dei poeti, benché lo scienziato non ebbe occasione di ascoltarla, visto che la coniò Sem Benelli per l'orazione funebre santerenzina dedicata allo scienziato, scomparso nel 1910.

Ma Loquis diverte l'ascoltatore anche con un ulteriore dettaglio: la straordinaria somiglianza tra Mantegazza e Buffalo Bill. Tant'è che gli audionarratori riportano un aneddoto, riferito dal grande umorista spezzino Gino Patroni, relativo al passaggio nel capoluogo del famigerato cowboy e della sua carovana del west nell'ambito della tournée che a inizio Novecento pungolò la curiosità popolare di numerose piazze europee. Ecco, a Spezia, quando Buffalo Bill comparve, più d'uno, a quanto pare, ci restò male, perché in sella al bianco destriero non riconobbe W.F. Cody, bensì... “Mantegassa”, con un ovvio corredo di (malriposta) delusione. Ma in effetti la somiglianza c'è e non è da escludere la veridicità dell'episodio. Stimolato, perché no, dall'inossidabile e quasi compiaciuta diffidenza spezzina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News