Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Agosto - ore 22.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Incendio colposo a Porto Venere, una denuncia

Le responsabilità del coltivatore sono state accertate dai Carabinieri forestali. Il rogo è scaturito da alcuni arbusti che l'uomo stava bruciando nel proprio terreno.

Incendio colposo a Porto Venere, una denuncia

Golfo dei Poeti - Un coltivatore è stato denunciato per incendio colposo dai Carabinieri forestali delle stazioni di Follo e Sarzana che hanno condotto le indagini sul rogo divampato venerdì in località Carame a Porto Venere. L’incendio ha investito un tratto di bosco di pino marittimo e macchia mediterranea ed è scaturito in modo colposo a causa della negligenza dell’uomo che stava bruciando alcuni residui vegetali nel proprio terreno.
Una pratica che, come sottolineano i militari, è consentita solo in presenza delle seguenti condizioni: che i residui derivino esclusivamente da operazioni agricole e selvicolturali (e quindi, ad esempio, paglia, sfalci e potature) e non da altre operazioni, quali taglio di piante e verde che insistono in contesti urbani, che generano invece rifiuti che devono essere smaltiti, pena sanzione amministrativa, in via ordinaria. Assolutamente vietata, e in questo caso sanzionata penalmente, è la combustione di altri generi di rifiuti, non vegetali, anche se effettuata mescolando gli stessi con quelli vegetali. Che l’abbruciamento sia effettuato sul luogo di produzione, interessi quantitativi non superiori ai limiti di legge (non più di tre metri cubi per ettaro al giorno), sia comunque effettuata in piccoli cumuli e non rientri in periodi di divieto dichiarati dalle autorità competenti (non sia effettuato, cioè, quando vige lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi). Infine che l’abbruciamento sia effettuato alla distanza di legge da aree vegetate e boscate (100 metri, salvo speciali condizioni e/o autorizzazioni) e comunque con ogni forma di cautela e vigilanza che garantisca, anche tenendo conto che le condizioni del vento possono mutare all’improvviso, che le fiamme non inneschino un incendio.

(immagine di repertorio)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure