Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Marzo - ore 16.11

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Compra una sim nel 'dark web' e la usa per una rapina

Ingegnoso ma non perfetto l'escamotage pensato da un giovane hacker della Val di Magra che aveva ordinato, sotto falsa identità e oscurando le tracce di navigazione, un costoso I-phone X. I carabinieri ricostruiscono con pazienza un cyber-puzzle...

genitori arrabbiati
Compra una sim nel 'dark web' e la usa per una rapina

Golfo dei Poeti - Una storia che parte, cronologicamente, da lontano e scomoda gli abissi del cosiddetto dark web, il pianeta parallelo al World Wide Web in uso a tutti. Tutto ha inizio lo scorso 30 luglio, a Lerici, dove un corriere impegnato nel consueto giro di consegne era stato rapinato da un giovane travisato, dotato di un coltello, con il quale aveva intimato di dargli il plico che il malcapitato stava per consegnare in contrassegno, per il non indifferente importo di milleduecento euro. Sin dal primo momento l’episodio, che non è sfuggito all'attenzione dei carabinieri, era apparso strano ed aveva fatto sorgere il dubbio che l’ignoto rapinatore avesse la certezza del contenuto del plico asportato ed avesse premeditato ed organizzato l’azione. A rafforzare la convinzione vi era anche il fatto che il numero di telefono indicato come contatto per la consegna fosse intestato ad uno straniero residente in un paese mediorientale.

Il plico asportato è risultato contenere un I-phone X, ordinato on-line. I militari si sono quindi messi, con pazienza certosina ad incrociare i dati sul destinatario del plico e a visionare tutti i filmati delle telecamere di videosorveglianza installate dall'amministrazione comunale lericina, che si sono rivelate risolutive: un giovane inquadrato in alcuni fotogrammi, infatti, oltre a rispondere alla descrizione fornita dalla vittima, è risultato imparentato con il destinatario del pacco, che tuttavia era assolutamente ignaro della consegna ed è stato accertato essere estraneo alla vicenda. Continuando ad indagare, i carabinieri sono quindi risaliti all’identità del giovane rapinatore, residente in Val di Magra: il giovane, abilissimo con i computer e la tecnologia informatica, aveva infatti ordinato, sotto falsa identità e oscurando le tracce di navigazione che consentissero di risalire a lui, il carissimo smartphone, organizzandosi per sottrarlo alla consegna, anziché pagarlo in contrassegno.

Per evitare di essere rintracciato, inoltre, aveva fatto in modo di fornire come contatto telefonico quello di una scheda sim e di un cellulare usa e getta acquistati nel dark web ed intestati ad un falso nome. Il dark web altro non è che una piccola parte del deep web, quella che non risulta indicizzata da motori di ricerca. Ebbene, tutte le accortezze adottate, però, pur avendo reso la vita difficile agli investigatori, non hanno impedito che, una volta individuato ed ottenuto un decreto di perquisizione, il giovane se li vedesse comparire alla porta di casa. In casa è stato recuperato il cellulare asportato e sono stati trovati e sottoposti a sequestro sia il coltello che gli occhiali da sole utilizzati nella rapina. Il giovane ha anche dovuto affrontare, oltre alla denuncia di cui dovrà rispondere in Tribunale, le ire dei genitori, sorpresi e avviliti per l’accaduto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News