Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Settembre - ore 19.25

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Tre spazi in più per le scuole di Lerici. E sarà lunch box

La proposta dell'amministrazione, la richiesta dell'Istituto comprensivo. Più metri quadrati per scongiurare le possibilità di contagio.

Pranzo al banco

Golfo dei Poeti - Lerici al lavoro per non mancare l'appuntamento con l'anno scolastico 2020/21, che dovrà conciliare necessità didattiche e rispetto delle norme anti Covid-19. L'altro giorno si è tenuta una conferenza dei servizi nell'ambito della quale l'amministrazione comunale ha sottoposto, in linea con le precedenti interlocuzioni, una serie di spazi aggiuntivi da mettere a disposizione all'Istituto comprensivo nell'ottica dell'aumento delle metrature e quindi del distanziamento tra alunni. Questo, in particolare, quanto messo sul tavolo da Palazzo civico: i locali del centro ludico educativo L'albero blu (l'ex Cecco rivolta) presso la primaria Garibaldi di San Terenzo; i locali de L'aquilone blu al piano terra della scuola Fiori di Lerici; l'aula dell'Unitre al piano terra della Fiori; l'aula grande dell'Auser di Lerici; l'ex scuola elementare di Tellaro; i locali della biblioteca civica, limitatamente al mattino.

“Di questi spazi – spiega a CdS l'assessore all'istruzione Laura Toracca -, l'Istituto comprensivo ha chiesto Albero blu, l'Aquilone blu (già a disposizione della scuola lo scorso anno per esigenze legate agli interventi sui plessi, ndr) e uno spazio al pianterreno della Fiori, che potrebbe appunto essere l'aula Unitre”. L'Università della terza età e le altre realtà che utilizzano i luoghi proposti sono state preventivamente informate dal Comune rispetto all'eventualità di rinunciare ai locali, mostrando disponibilità e piena comprensione dell'eccezionalità dello scenario. I tre spazi aggiuntivi, questa l'idea, saranno utilizzati per attività laboratoriali o come spazi di infermeria, di attesa del genitore nel caso l'alunno non si senta bene. “Non per la didattica – continua l'assessore -, visto che la scuola, facendo un ottimo lavoro, è riuscita a immaginare un assetto che consenta di svolgere le lezioni all'interno delle aule garantendo al contempo la distanza interpersonale di un metro tra gli alunni. Da parte dell'amministrazione c'è piena volontà di andare incontro alle esigenze dell'Istituto comprensivo. Alle porta c'è un anno scolastico un po' particolare, con la speranza che in futuro si possa tornare a vivere in piena normalità”. Per quanto riguarda i tre spazi aggiuntivi, i Lavori pubblici si occuperanno di realizzare entro l'inizio delle scuole alcuni adeguamenti in materia di impiantistica ed edilizia, che saranno al centro di imminenti variazioni di bilancio.

Per quanto riguarda la mensa, si va verso il lunch box, cioè il pranzo recapitato in classe, al banco. Un modo per recuperare altri spazi – cioè i locali mensa -, destinandoli ad aula musica o a funzioni laboratoriali, evitando altresì massicce turnazioni (necessarie per via delle norme anticontagio) al desco del pranzo: “Si correrebbe il rischio di far mangiare alcuni bambini alle 11 e altri alle 14 – conclude l'assessore Toracca -. La settimana prossima avremo un incontro con Cir, che una volta raccolte le istanze delle varie scuole della provincia si confronterà con Asl, che potrebbe esprimere pareri e indicazioni sulla somministrazione dei pasti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News