Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 17 Gennaio - ore 22.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Recuperato da due cittadini il sentiero del “Bozo del Lino”

L’area è stata oggetto di sfalcio e installazione di cartelli informativi, in italiano e in inglese.

Rimossi i rifiuti abbandonati
Recuperato da due cittadini il sentiero del “Bozo del Lino”

Golfo dei Poeti - Il sentiero del “Bozo del Lino” torna al suo splendore e si arricchisce di nuovi elementi.
La storica via comunale che collega via Militare a via Canarbino è stata oggetto di un intervento di sfalcio, che ha liberato il percorso, e di installazione di cartelli informativi, in italiano e in inglese.
Autori di questa azione sono stati due cittadini, Paolo Sandalli e Daniela Andrian, mossi da un forte amore per il territorio.
"L’Amministrazione comunale e tutta la comunità lericina desiderano ringraziare Paolo e Daniela per questo gesto di grande amore per il territorio, grazie al quale è stato recuperato un sentiero prezioso, sia dal punto di vista paesaggistico che storico – commenta l’assessore all’Ambiente, Claudia Gianstefani -. Oggi il sentiero è nuovamente a disposizione per escursioni tra castagni, lecci, querce, intervallati da meravigliosi scorci sul Golfo, e tanta storia locale. Un importante esempio di cittadinanza attiva, mossa da un amore profondo per il proprio territorio".
Il tracciato si separa da via Militare all'altezza della località Martino e incontra, a circa 400 mt, il fosso del Martino. Qui il sentiero si fa leggermente più ripido e si congiunge a via Canarbino. Il nome ha origine dalle pozze ("bozi" in dialetto), utilizzate anticamente per la macerazione delle piante di lino che nelle nostre zone venivano coltivate; la preziosa fibra veniva poi trasportata via mare verso le località manifatturiere.
“La nostra azione è stata mossa da senso civico e dall’amore che nutriamo per la natura – spiega Paolo Sandalli -. In questo periodo di emergenza, in cui si deve restare il più possibile a casa, abbiamo ritenuto ancora più importante restituire questo sentiero alla collettività, permettendo alle persone di usufruire di un luogo bellissimo, all’aria aperta e dove è possibile mantenere le distanze con facilità”.
Dopo un primo sopralluogo, è stato organizzato un intervento di rimozione dei rifiuti presenti nel tracciato e, nei giorni scorsi, grazie al supporto volontario di Riccardo Virdis dell'Associazione Nowhereland e di Gianpaolo Milia della cooperativa Ma.Ris., si è provveduto alla rimozione del materiale, restituendo così all'area il decoro che merita.
"Mi sorprendo ancora di dove possa arrivare l'inciviltà: bottiglie, cassette di plastica, una batteria, un cestello della lavatrice, videogame e altri piccoli rifiuti sono il "bottino" che abbiamo recuperato lungo il tracciato – aggiunge la Gianstefani-. Materiale presente da tempo immemore che si era ormai integrato con la vegetazione. Lo sconcerto è però compensato dalla speranza di una comunità sempre più consapevole e desiderosa di dare un fattivo contributo al proprio territorio. Durante le operazioni, infatti, diversi escursionisti hanno dato la loro disponibilità per partecipare a interventi analoghi sul territorio. Questo mi dà estrema soddisfazione e mi rende orgogliosa della comunità lericina."

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News