Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 21 Febbraio - ore 19.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il fronte ambientalista: “Sul masterplan serve l’inchiesta pubblica”

Il movimento "Palmaria Sì, Masterplan No" interviene nel dibattito sui passaggi istruttori che dovrà seguire nelle prossime settimane il progetto di valorizzazione dell'isola lanciato da Regione e Comune di Porto Venere.

Nell'ambito della Vas sulla Palmaria

Golfo dei Poeti - "L’assessore Scajola nel corso del consiglio regionale del 14 gennaio ha chiaramente fatto intendere la sua contrarietà a dotare la Vas (Valutazione ambientale strategica) sul masterplan della Palmaria di una inchiesta pubblica, ovvero il percorso partecipato previsto dalla legge ma in forma non obbligatoria. A giustificazione della sua posizione Scajola equipara il percorso "Palmaria nel cuore" (realizzato nel contesto della redazione del masterplan) all'inchiesta pubblica. E’ assurdo perché l'inchiesta pubblica, essendo incasellata nella Vas, ha ben altra portata e garanzie. Soprattutto è lo strumento che può beneficiare di una serie di analisi ambientali generate tramite la VAS che non erano disponibili nel corso della redazione del masterplan”. Così il movimento "Palmaria Sì, Masterplan No" interviene nel dibattito sui passaggi istruttori che dovrà seguire nelle prossime settimane il progetto di valorizzazione dell'isola lanciato da Regione e Comune di Porto Venere nell'ambito della sdemanializzazione e del trasferimento di aree e beni.

L'associazione sottolinea che la differenza tra il primo percorso partecipativo e il prosieguo dell'istruttoria ciò è dimostrata dal fatto che la grande sollevazione popolare contro lo stravolgimento dell’isola si è realizzata al momento della presentazione dello scenario "5 bis", a percorso partecipato già chiuso.
"Le oltre 16.000 firme contro il masterplan e gli 11.000 iscritti al gruppo "Palmaria Sì, Masterplan No" dimostrano che non esisteva precedentemente evidenza dell'impatto generato dal progetto. Per cui privare la comunità locale e globale dello strumento di conoscenza e confronto dell'inchiesta pubblica appare come un atto poco democratico che denota la debolezza (e probabilmente la malafede) della giunta regionale nell'affaire Palmaria”.
Il fronte ambientalista promette battaglia per "il diritto ad una inchiesta pubblica con tutte le garanzie del caso".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News