Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Ottobre - ore 14.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Futuro Palmaria, arriva Kipar

Inizia la seconda fase del lungo iter preliminare: l'architetto ascolterà il parere degli stakeholders prima di elaborare il vero e proprio progetto esecutivo. Forte Cavour come museo-ristorante?

Futuro Palmaria, arriva Kipar

Golfo dei Poeti - L'architetto Andreas Kipar tornerà a Porto Venere nelle giornate del 17 e 18 ottobre per 48 ore di incontri con la popolazione e passeggiate conoscitive sull'isola Palmaria, insieme ai rappresentati della Regione, al sindaco Matteo Cozzani, ai tecnici del Comune e del Parco, che compongono il tavolo tecnico sul futuro dell'isola più grande della Liguria. L'advisor tecnico, che ha vinto la gara per questa importantissima progettazione preliminare, sarà accompagnato dal suo staff dello Studio Land in una missione di ascolto, secondo le volontà di De Ferrari che aveva previsto un lavoro del genere con la collaborazione dei cosiddetti stakeholders. Una filosofia che la maestranza del gruppo milanese ha nel suo dna: "Passeggiando, osserviamo ed ascoltiamo il cuore dei luoghi e delle comunità che li abitano, mantenendo comunque uno sguardo sufficientemente distaccato per capire la genesi di un territorio e l’evoluzione del suo paesaggio. Infatti ogni paesaggio ha una sua anima, riflesso della società che gli ha dato forma" - si legge nell'approch che accompagna la pagina di benvenuto del sito internet ufficiale dell'azienda.

La strada tracciata. Ultimo incontro in ordine di tempo ad inizio agosto in una riunione a Genova con il governatore Giovanni Toti, l'assessore Scajola, il sindaco di Portovenere Matteo Cozzani, l’Ammiraglio Giorgio Lazio del comando marittimo Nord e il segretario del Mibact per la Liguria Elisabetta Piccioni. In quella sede fu recepita la base di lavoro del masterplan elaborata in via preliminare dai professionisti incaricati della stesura, ovvero Kipar e l’architetto Matteo Pedaso, alla presenza del consulente scientifico Icomos a supporto dell’advisor tecnico e a garanzia del patrimonio Unesco, dottor Alberto Brizio. La strada è quella della tutela attiva del territorio e dello sviluppo dell’ospitalità diffusa, grazie al recupero dei beni storico monumentali presenti sull’isola (all'immenso forte Cavour si è ipotizzato un museo con hotel-ristorante), oltre alle propedeutiche determinazioni circa l’inquadramento d’area e la gestione dei flussi (un nuovo approdo alternativo a quello del Terrizzo dalla parte opposta). Gli scenari di intervento sono poi stati sottoposti al tavolo tecnico coordinato dal Comune di Portovenere per le prime valutazioni di carattere amministrativo e urbanistico, per poi essere affrontati, nel merito dei contenuti dalla prossima riunione della cabina di regia.

Kipar a Cds nel 2009. In un'intervista a CittadellaSpezia già otto anni fa Kipar aveva spiegato che cosa ci sarebbe potuto essere dopo l'abbattimento dello scheletrone di Carlo Alberto: "Lo scopo è quello di riconquistare la piazza verde e avere una nuova passeggiata - diceva il professionista della Rhur proprio nel giorno della detonazione dell'ecomostro -. I tempi? Non biblici, parte prima dell'estate la messa in sicurezza e la divisione dei materiali che ci consentiranno di iniziare i lavori alla passeggiata. Io penso che per l'estate si vedrà la sagomatura della nuova grande piazza e un ampio spazio per i bagnanti". Non andò esattamente così, anzi.

Quanti turisti sull'isola? Oggi, senza dati certificati, la presenza di visitatori sull’Isola Palmaria viene comunque quantificata in circa 150.000 - 165.000 persone all’anno. I dati evidenziati nell’analisi sottolineano una presenza attuale molto significativa di fruitori della balneazione (circa il 95% dei visitatori complessivi) con una componente minoritaria di visitatori escursionisti. In relazione alla componente balneazione, i fruitori sono principalmente i dipendenti (ed ex dipendenti) della Marina Militare con una quota inferiore relativa ai residenti dei comuni limitrofi (Portovenere, Le Grazie, Marola, Fezzano e La Spezia). La componente escursionisti è costituita da un target prevalentemente over 65, strutturato in gruppo organizzati costituiti da 40-50 unità. In relazione al numero annuo di visitatori, il confronto tra i due compendi territoriali, quello delle Cinque Terre e quello dell’Isola Palmaria (2,50 mln di visitatori/anno contro 0,150 mln di visitatori/anno) esprime in modo inequivocabile il potenziale bacino di possibili fruitori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure