Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 17 Agosto - ore 22.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Una stazione Ca' di Boschetti-Lerici per richiamare i crocieristi"

La proposta del sindaco Leonardo Paoletti, che però chiarisce: "Nostra vocazione è turismo di qualità: sport, cultura, esperienza. No mordi e fuggi".

"DMO? Prima i contenuti, poi la scatola"
"Una stazione Ca' di Boschetti-Lerici per richiamare i crocieristi"

Golfo dei Poeti - Tiene banco la prudenza di Lerici rispetto al Dmo – Destination marketing organization, realtà turistica d'area vasta lanciata dall'assessorato al Turismo del Comune della Spezia che ha già raccolto numerose adesioni in provincia. Ma non (ancora) quella lericina, e un progetto turistico spezzino complessivo senza Lerici è certo un carro senza ruota. “La mia posizione sul Dmo non è negativa – ha detto l'altro giorno in consiglio comunale il sindaco lericino Leonardo Paoletti -, ma credo che andare a costituire oggi una sovrastruttura che come minimo costa 150mila euro all'anno di stipendi non sia la soluzione migliore, anche perché oggi abbiamo poco da condividere a livello di sistema golfo. Abbiamo un sistema turistico antiquato, un sistema alberghiero in cui ognuno va avanti per sé senza un coordinamento finalizzato a un'offerta unitaria. Lerici, Porto Venere e La Spezia sono realtà differenti e necessitano di avere una crescita autuonoma: una volta conseguita, a quel punto si potrà fare sistema. Tant'è che in sede di confronto sul Dmo ho proposto un accordo per raggiungere una proposta per ogni singola realtà, finalizzata appunto a una successivo approccio d'insieme. Spero già entro fine gennaio si possa avere qualcosa di concreto. Invece di partire dalle scatole come il Dmo, ragioniamo prima su temi quali il rapporto tra Cinque Terre e Val di Vara, trasporto via mare nel golfo, sentieristica. Io contesto proprio il fatto che si metta prima il modello strutturale, cioè il Dmo, e dopo le questioni di merito”.

Ben chiaro il turismo che l'amministrazione vuole attirare. “Lerici deve guardare al turista padano, non al turismo mordi e fuggi. Il nostro è un territorio da amare e in cui vivere un turismo esperienziale, in cui fare sport”. Ma non si può ignorare il fattore crociere. “Credo che il trasporto via mare nel golfo - ha continuato il sindaco - possa avere nell'afflusso di crocieristi quella sostenibilità economica che i soli fruitori locali non garantirebbero”. E c'è un altro punto: “Il Treno Cinqueterre Express potrebbe fare una fermata a Ca' di Boschetti, che è a un tiro di schioppo da Lerici. Da tale stazione un servizio navetta potrebbe portare a Lerici chi arriva dalle Cinque Terre. Una sorta di stazione Lerici-Ca' di Boschetti. Questa è senz'altro una delle possibilità che arrivano dalle navi da crociere. Fermo restando il tipo di turismo che vogliamo sviluppare a Lerici: un turismo fatto di sport e cultura, con operatori affidabili e ad alta professionalità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News