Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 15 Novembre - ore 12.10

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Nessuna dismissione in Pubblica assistenza, abbiamo solo chiesto a Comune di sostenere mezzi"

L'intervento di Cesare Battistelli, presidente della Pubblica assistenza di Lerici.

"Nessuna dismissione in Pubblica assistenza, abbiamo solo chiesto a Comune di sostenere mezzi"

Golfo dei Poeti - "Voci su un presunto smantellamento della Protezione Civile e sulla dismissione dell’idroambulanza, sono apparse sui social e attraverso articoli sui quotidiani online. Vogliamo precisare che ad oggi alla Pubblica Assistenza non è giunta alcuna richiesta di chiarimenti da parte di istituzioni, movimenti e/o partiti politici ai quali come sempre avremmo dato informazioni in merito, evitando inutili allarmismi. Dal 2016 la PA di Lerici è iscritta al registro della Protezione Civile regionale – provinciale – comunale. Prima di allora gli interventi venivano svolti e totale decisione e rischio della P.A. Le nuove norme sulla protezione civile prevedono che ogni intervento deve essere concordato con il responsabile della P.C. che è il Sindaco. I volontari di Protezione Civile devono sostenere corsi di formazione qualificazione e aggiornamenti, le attività formative e addestrative devono essere in ogni caso autorizzate, dal Dipartimento anche se organizzate su scala locale. Attualmente la P.A. ha a disposizione 4 volontari specializzati di Protezione Civile a disposizione delle centrali operative. La PA di Lerici, come molte associazioni ha difficoltà a sostenere economicamente il costo di esercizio di tutte le attività svolte e ha semplicemente chiesto al Comune di Lerici di acquisire e/o sostenere i mezzi di Protezione Civile. L’idroambulanza (gommone) come ogni anno sarà messa a terra per la manutenzione e quest’anno è stato decisa la sostituzione dei tubolari oltre al cambio del serbatoio. Il mezzo sarà in funzione dalla primavera del 2019 per continuare a svolgere servizi di intervento sanitario a mare". Stamattina con questo post sui social network la Pubblica assistenza di Lerici ha ribattuto alle inquietudini diffuse dal mondo politico (leggi QUI).

Successivamente, con una lettera aperta, il presidente del sodalizio Cesare Battistelli ha inteso fare il punto della situazione e fornire un ulteriore chiarimento. "Il volontariato nella protezione civile - scrive il presidente - è l'espressione di una moderna coscienza collettiva del dovere di solidarietà e senso dell'urgenza: ogni cittadino ha diritto di essere soccorso con la professionalità e la formazione di cui ogni volontario è portatore perché ciò fa parte della nostra missione a cui non intendiamo assolutamente rinunciare.
Pertanto i militi che agiscono in questo settore non possono essere improvvisati ma devono essere appositamente formati per essere pronti ad intervenire con competenza e consapevolezza dando il massimo del contributo nelle eventuali operazioni di soccorso che si dovessero verificare.
Nel comparto della protezione civile noi non possiamo più permetterci di spaziare in tutti i campi operativi che le emergenze impongono. Del resto a motivo del D. L.vo 224/2018, entrato in vigore il 06 febbraio 2018, in cui si definisce in modo inequivocabile le finalità, le attività e la composizione del Servizio nazionale della Protezione civile, siamo stati indotti ad adattarci e a specializzarci in ambiti di un sistema che esercita la funzione di protezione civile attraverso l’insieme delle competenze e delle attività volte a tutelare l’integrità della vita, i beni, gli insediamenti e l’ambiente dai danni o dal pericolo di danni derivanti da eventi calamitosi di origine naturale o dall’attività dell’uomo.

Per essere al servizio del nostro territorio, dei cittadini, oltre che l’altruismo, occorre competenza ed ampia operatività a cui l’esecutivo dello scorso triennio ha dedicato tempo e risorse economiche, sia in mezzi che formazione per garantire l'efficienza, l’efficacia e la tempestività degli interventi emergenziali ed è per questo che intendiamo continuare ad adeguare i nostri mezzi acquisendo un nuovo veicolo 4x4 che sostituirà il vecchio fuoristrada Land Rover (la mitica 50) la quale ci permetterà di eseguire operazioni sanitarie in luoghi poco accessibili come pure di monitorare tutto il territorio del comprensorio comunale.
Molte Associazioni, compresa la nostra, sono state costrette ad effettuare delle vere e proprie scelte tecniche come i gruppi cinofili e subacquei con cui proprio venerdì 26 ottobre 2018 abbiamo fatto una esercitazione a Bocca di Magra nell’attività di soccorso e recupero persone e cadaveri in acqua, i radioamatori (Radio Marconi già presente al Senato), gli speleologi e il volontariato anti-incendio boschivo ecc. E’ proprio la necessità di specializzazione in un settore altamente delicato che ha spinto l’esecutivo a far scelte orientate a garantire servizi qualificati tramite personale volontario e dipendente dotato di apposita e specifica formazione ed elevata professionalità.
La Pubblica Assistenza di Lerici, che, ripeto, non è affatto intenzionata ad abbandonare il suo impegno istituzionale di protezione civile, dal 2016, è stata incaricata, dopo la sua iscrizione all’Albo regionale e provinciale, di garantire il monitoraggio del nostro territorio comunale, il soccorso sanitario in cui siamo intervenuti durante l’incendio scoppiato ad agosto di quest’anno nella frazione del Senato e il soccorso marittimo che continuerà ad essere effettuato con due mezzi navali: idroambulanza e moto d’acqua che non saranno dismessi.
L’opzione infatti è maturata coordinando proprio le norme in materia di volontariato di protezione civile, in raccordo con quelle recenti introdotte per il Terzo settore e con riferimento alla numero e alla partecipazione del volontariato.
Codice che, in maniera chiara, definisce il gruppo comunale di protezione civile, in cui è compresa anche la Pubblica Assistenza di Lerici, e introduce la responsabilità del cittadino rispetto alle indicazioni date dalle autorità di Protezione Civile ai diversi livelli.
Concludendo l’Associazione proseguirà ad operare nell’ambito comunale della Protezione Civile con esplicite funzioni d’intervento sanitario terrestre e marittimo mettendo in campo personale abilitato e un rinnovato parco mezzi adeguato ad ogni evenienza fermo restando che, ai sensi dell’attuale normativa, la responsabilità dell’organizzazione e gestione complessiva del sistema di P.C. a livello locale è di competenza del Comune di Lerici.
Lo scrivente, che non intende alimentare il dibattito attraverso gli organi di stampa e i social, si rende sempre disponibile a confrontarsi pubblicamente con la cittadinanza, con i politici e le istituzioni (come ha fatto a giugno di quest’anno con la giunta e i capi gruppo consiliari) per ogni ulteriore chiarimento".

Contestualmente, l'ex sindaco e consigliere di minoranza Emanuele Fresco chiede che "l'amministrazione comunale dia tutti i chiarimenti del caso. E a nessuno venga in mente di raccontarci che di Protezione civile si occuperà in futuro solo Radio Marconi, con tutti rispetto per il gruppo. Per un monitoraggio dell'intero territorio comunale, ampio e complesso, è infatti necessario che l'esperienza di Protezione civile in seno alla Pubblica assistenza prosegua".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News