Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Gennaio - ore 09.45

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Gente della Spezia - La politica pensa al calcio, intanto la strada è segnata

Gente della Spezia - La politica pensa al calcio, intanto la strada è segnata

- Puntuali come esattori elvetici, ad un tratto i nostri politici si sono ricordati dello Spezia e sono saliti con perfetto tempismo sul carro del vincitore. Nulla di nuovo sotto il sole. La new entry sul carro è nientemeno che il Presidente della Regione, noto tra l'altro per la sua grande fede genoana. Non è una novità assoluta: ricordiamo i contorsionismi di uno juventino Veltroni costretto da sindaco a dover festeggiare due scudetti in due anni nella Capitale (2000 Lazio, 2001 Roma) dicendosi juventino...ma anche romanista, ma anche laziale. Quando è troppo è troppo, infatti da lì forse iniziò l'inarrestabile declino del più anti-comunista dei comunisti, ma anche filo-americano.
Forse sarebbe il caso che i politici si occupassero di altro, senza cercare facile consenso all'insegna del populismo più smaccato, proprio quello che strillano ai quattro venti ogniqualvolta subiscono critiche, inevitabilmente tacciate di populismo o demagogia.
Eppure ne avrebbero di cose da occuparsi. A partire dalla perdita costante di posti di lavoro, che adesso inizia a sfiorare anche i giganti del parastato, a partire dalla Fincantieri. Vediamo se alle dichiarazioni di prammatica seguiranno fatti concreti, la realtà parla di un paese sempre più fermo in cui la nostra città ormai svolge saldamente il ruolo di vagone di coda.
E' stato annunciato recentemente il consueto cartellone dell'Estate Spezzina. Non discutiamo il valore delle proposte. Ammesso che a qualcuno importi di Noemi, ben venga. L'importante è che lei e tutti gli altri non si esibiscano in una città che la sera vede quasi tutti i bar chiusi e l'ostinato no dei commercianti ad aprire le loro attività.
Il tempo brutto di questi giorni mostra in modo impietoso i limiti strutturali del turismo spezzino. Se non è possibile andare al mare, cosa fa un turista? La sera poi non ne parliamo, mangiare una pizza dopo le dieci di sera è un'impresa, a Lerici come a Portovenere, come a Riomaggiore, come in città.
Ci sono degli strumenti per obbligare in qualche modo a cambiare rotta? Eppure alcune piccolezze potrebbero cambiare il volto di questi posti così sonnolenti: è così impossibile istituire un collegamento ferroviario La Spezia-Sestri Levante e viceversa nelle ore notturne, in modo da evitare che l'ultimo treno dalle Cinque Terre arrivi a Spezia intorno alla mezzanotte? Basterebbe un treno all'ora fino alle 4, in questo modo i turisti avrebbero più occasioni di spendere i loro soldi, ammesso che i commercianti vogliano tenere aperto.
Allo stesso modo, perchè non collegare Lerici, Portovenere e Sarzana con La Spezia anche nelle ore notturne con un regolare servizio di autobus? In questo modo ci sarebbe un enorme impulso alle attività turistiche, vista anche l'endemica mancanza di parcheggi e il costo salatissimo dei pochi che ci sono che scoraggia i comuni mortali dal recarsi a Lerici e Portovenere, posti un tempo brulicanti di vita e adesso molto più somiglianti a una casa di riposo, con la gente che va a letto con le galline. Se vogliamo continuare a perdere opportunità di guadagno e continuare a vivacchiare per i pochi soliti noti, non c'è che da andare avanti così, la strada è ben tracciata.
Urge cambiare mentalità: l'Arsenale ormai è un residuato di se stesso, nella Difesa non ci sono più assunzioni da una ventina d'anni e l'arsenalotto è una razza in via di estinzione. Aziende che occupavano migliaia di dipendenti ora ne occupano molti meno, vuoi per la crescente automazione, vuoi per la crisi. Se non ci apriamo al mondo e al mercato, rompendo le logiche protezionistiche e oligopolistiche molto forti nei piccoli centri, la via verso il declino pare segnata. Forse i politici continueranno a festeggiare ma probabilmente da soli, perchè in tanti avranno scelto di emigrare per sopravvivere. Resteranno i pensionati e i sempre meno statali. Profondo Sud in un angolo di Nord.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News