Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 05 Giugno - ore 10.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il ministro Spadafora tiene il calcio in quarantena

ripresa sempre più a rischio
Il ministro Spadafora tiene il calcio in quarantena

Fuori provincia - Si fa sempre più reale l'ipotesi che i campionati non ricomincino e la stagione sia dichiarata conclusa. Il ministro con delega allo sport Vincenzo Spadafora si è espresso con toni netti nelle scorse ore in un'intervista a Repubblica: "Riprendere le partite il 3 maggio è irrealistico". Oggi annuncerà lo stop all'attività agonistica per tutto aprile, con un passaggio che rischia di diventare decisivo: il divieto di allenarsi per i club professionistici. Questo, più che la previsione di non poter ricominciare con il calcio nel primo fine settimana di maggio, stabilisce in pratica una pausa di due mesi negli allenamenti dei calciatori professionisti. Contando che, al minimo, servirebbero due settimane di lavoro per poter tornare a disputare una partita vera e propria, la ripresa slitta a questo punto inevitabilmente a fine maggio. Nella migliore delle ipotesi.
Troppo tardi per portare a termine la serie B, che si era data il weekend del 9 maggio come termine ultimo per ricominciare, finendo magari in estate inoltrata. Dura la reazione della Lega A alle parole di Spadafora: "Con riferimento alle odierne affermazioni del Ministro dello Sport Spadafora ritengo non sia il momento di fare polemiche e demagogia", ha affermato il presidente della Lega Serie A Paolo Dal Pino mentre in una nota si snocciolavano i numeri dell'industria calcio: "Trentadue milioni di appassionati seguono il calcio, un fenomeno sociale ed economico che dà lavoro a più di 300mila persone generando l'1% del PIL nazionale. La Serie A da sempre svolge un riconosciuto ruolo di locomotiva del comparto, producendo direttamente ogni anno circa 3 miliardi di euro di ricavi totali e generando un indotto di 8 miliardi a beneficio dell'intera piramide calcistica, oltre a una contribuzione fiscale e previdenziale di 1 miliardo di euro".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








VIDEOGALLERY


















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News