Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 09 Dicembre - ore 23.12

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Difficile avere più di 700 biglietti, ci dispiace non accontentare gli spezzini"

Giuseppe Corrado, patron del Pisa, è rammaricato: "Problemi strutturali, non pensino che non li vogliamo far venire".

parole signorili
"Difficile avere più di 700 biglietti, ci dispiace non accontentare gli spezzini"

Fuori provincia - Settecento biglietti e non di più, prendere o lasciare. Lo conferma, con un rammarico che appare sincero, anche il patron del Pisa Giuseppe Corrado. Ieri il club nerazzurro ha presentato un nuovo partner commerciale e davanti ai microfoni c'era anche l'uomo che salvò la società due anni fa quando c'erano tutti gli indizi di una situazione che poteva farsi davvero difficile a fine stagione. L'Arena Garibaldi non ha svoltato da allora e continua ad avere deficit strutturali (come molti stadi della serie B) che ne limitano la capienza. “Per la partita contro lo Spezia potrebbe esserci un problema per il settore ospiti - ha detto Corrado - In una prima ipotesi con il questore si era parlato di arrivare fino a mille posti in deroga. Ci siamo accordati per 700 e non so se si potrà superare questa quota. Mi auguro che i tifosi spezzini non ne abbiano a male e che non pensino che noi non vogliamo farli venire".

Durante la riunione pisana del gos di lunedì scorso, il responsabile organizzazione Mauro Ferrara e lo slo Luca Maggiani avevano in effetti fatto presente come la quota di mille biglietti sarebbe stato l'obiettivo minimo per accontentare la mole di richieste. Anche ieri, attraverso uno scambio di email partito da Via Melara, si è fatto presente che il sold out delle disponibilità arrivato in poche ore apre le porte alla partenza di alcuni tifosi senza tagliando, magari nella speranza poi di riuscire in qualche modo a trovare un ingresso last minute. "Purtroppo giochiamo in uno stadio in costante deroga e siamo costretti a seguire quanto dicono questura, vigili del fuoco e in ultimo il sindaco - ha continuato il presidente - Ho appreso venendo qui che quello contro lo Spezia è il secondo derby di Pisa. Sarebbe bello che tutti quelli che vogliono partecipare lo potessero fare quando ci sono partite così particolari sotto l'aspetto dell'ambiente, ma purtroppo siamo limitati alle capienze che ci sono consentiti dalle istituzioni".

Insomma, non ci sono da farsi illusioni nonostante gli sforzi di tutti, Spezia Calcio in primis. Per Corrado è anche l'occasione di un primo bilancio, visto che rilevò il Pisa proprio prima dell'ultima sfida con i bianchi nel 2016. Si era sotto Natale, la partita finì 0-0 con Gattuso e Di Carlo sulle rispettive panchine. "Mi sento meglio adesso che allora, visto che eravamo reduci da un firma fatta poche ore prima in una situazione di incertezza di conoscenza - ha confessato ieri - La classifica era negativa, sapevamo che sarebbero arrivati 4 punti di penalizzazione. E inoltre c'erano tanti infortunati, con gli esordi obbligati di Favale e Birindelli. Gattuso dovette far giocare un ragazzo che zoppicava a centrocampo... fu uno 0-0 contro uno Spezia che ebbe un buon predominio, pareggiammo grazie alla nostra tenacia. Capii allora guardando la nostra curva che ci sarebbe stato terreno fertile per fare qualcosa di importante".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News