Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 20 Gennaio - ore 22.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Detriti alla foce del Magra: "Emendamento a sostegno dei comuni"

dall'onorevole gagliardi
Detriti alla foce del Magra: "Emendamento a sostegno dei comuni"

Fuori provincia - "Ormai ogni anno sulle spiagge di Marinella di Sarzana, Fiumaretta e Bocca di Magra ad Ameglia si depositano enormi quantità di legnami e detriti, trasportati dal fiume Magra in occasione delle sue piene, il cui smaltimento è un’operazione complessa e costosa. È uno scenario già visto troppe volte, un onere che i comuni non sono più in grado di affrontare da soli, sul quale quest’anno incombe anche il rischio che alla foce si riversino i resti del ponte di Albiano Magra, collassato ormai 8 mesi fa. Per questo, raccogliendo l’appello degli amministratori locali, ho depositato un emendamento alla legge di bilancio, affinché lo Stato si faccia carico del problema, sostenendo finalmente i nostri amministratori nell’opera di rimozione e smaltimento dei legnami e altro materiale". Dichiara in una nota la deputata di Cambiamo! Manuela Gagliardi.

"L’emendamento è stato inserito fra i segnalati all’esame della commissione, mi auguro che i colleghi parlamentari di tutte le forze politiche lo sostengano - prosegue la parlamentare - In 10 anni i nostri comuni che affacciano sulla foce del Magra, compreso quello della vicina Marina di Carrara, hanno speso circa 10 milioni per effettuare la pulizia delle spiagge. Solo Regione Liguria è intervenuta per aiutare i sindaci del territorio, per quanto di sua competenza, nelle operazioni di raccolta, mentre lo smaltimento resta a carico delle amministrazioni locali e quindi dei cittadini, perché comporta di conseguenza un aumento della Tari".

"È inconcepibile che chi abita alla foce del fiume debba farsi carico di smaltire rifiuti e detriti che sono riconducibili a una comunità più vasta, dislocata lungo il corso del Magra. È ora che lo stato intervenga, i cittadini hanno tollerato sin troppo questo disagio", conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News