Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 22.35

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il "Decalogo dello sblocca mare", Federagenti sfida la burocrazia

Il "Decalogo dello sblocca mare", Federagenti sfida la burocrazia

Fuori provincia - All’apparenza una denuncia consueta: la burocrazia uccide l’economia italiana e mina le prospettive di ripresa del sistema Paese. Nei fatti, però, il segnale scaturito oggi dall’assemblea della Federazione nazionale degli agenti marittimi, in corso a Ancona, ha caratteristiche del tutto originali; perché nasce da un settore, quello dei traffici marittimi, che agisce sulla linea del fronte dell’interscambio mondiale e che è in grado di cogliere prima di altri potenzialità, ma anche rischi reali, che scaturiranno non fra anni, ma fra mesi, e forse settimane, dalla nuova geografia dei traffici; dall’altro perché il j’accuse lanciato dall’assemblea di Federagenti non si è tradotto nelle consuete lamentele, ma in un documento operativo concreto, denominato il “decalogo dello sblocca-mare” , che assomiglia a un vero e proprio guanto di sfida alla politica.
Con alle spalle una sintetica relazione del presidente Gian Enzo Duci, che ha evidenziato come il sistema economico italiano debba rispondere a 160.000 leggi (alcune vecchie di oltre un secolo ma sempre vigenti), mentre per la Gran Bretagna il corpus juris è strutturato in 3mila leggi, che sono 5.500 in Germania e 7mila in Francia, Federagenti ha sottolineato come ad esempio la Via della seta, grande opportunità potenziale per riportare a sud, verso il Mediterraneo, l’asse dei traffici marittimi fra l’Asia (grande player dell’interscambio mondiale) possa trasformarsi, in assenza di un’azione di emergenza contro il blocco da burocrazia, in un clamoroso e definitivo flop, per i porti, lo shipping, la logistica e l’intero sistema Italia.
Come evitarlo? Come uscirne fuori? Federagenti non lancia un proposta. Mette a nudo i fattori di debolezza di un paese nel quale (nella migliore delle ipotesi) un semplice intervento in porto richiede un iter di sette anni, e indica soluzioni precise in un decalogo che sarà inviato ai vertici delle Istituzioni del Paese, alle quali si richiede risposte pratiche e non slogan.
Il primo punto del decalogo prevede la nomina di un sottosegretario presso la Presidenza del Consiglio che accorpi tutte le competenze relative al mare, ovvero a quello Spazio marittimo che potrebbe rappresentare più del 10% del Pil Paese.
Secondo Federagenti è anche necessario individuare un numero limitato di strutture di logistica e di trasporto, in primis i porti, e liberarle dalle catene della burocrazia, gestendole come emergenze al pari di quanto applicato con il Decreto Genova. Ma il decalogo entra nel dettaglio operativo di una burocrazia che deve diventare un servizio e non un onere, ad esempio passando al Ministero dei Trasporti la competenza dell’Agenzia nazionale delle Dogane, costruendo un tavolo unico e agile di programmazione delle emergenze infrastrutturali, abbattendo i tempi burocratici per concessioni, per i dragaggi portuali, ma superando anche quel conflitto d’interesse che tiene fuori Sindaci e Regioni dalle cabine di regia dei porti.

IL DECALOGO DELLO SBLOCCA MARE

1) Nominare un sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Pianificazione dello Spazio Marittimo (scadenza 2020!!!) e potere di coordinamento sui dipartimenti dei vari Ministeri aventi competenze in materia (vedi Francia)
2) Identificare un numero limitato di porti (3), aeroporti (1) ed interporti (4/5) da disciplinare in via speciale ai fini dell’internazionalizzazione della logistica italiana
3) Attribuire temporaneamente ad una short list di infrastrutture prioritarie per la competitività del sistema Paese le regole del “Decreto Genova”
4) Emanazione del Regolamento Concessioni portuali (e omologazione delle concessioni su base nazionale)
5) Creazione di un centro unico presso il MIT per Progettazione opere e gare d’appalto per tutte le AdSP (ITALPORT come ITALFERR?)
6) Portare le AdSP fuori dall’elenco ISTAT (165/2001) quantomeno per gli aspetti laburistici
7) Revisione legge Dragaggi
8) Agenzia delle Dogane funzionalmente sottoposta al MIT (come la Guardia Costiera)
9) Ritorno di Sindaci e Presidenti Regione in organi di gestione dei Porti superando la logica degli “Unicorni”.
10) Creazione dell’Agenzia centrale per il Registro Internazionale Italiano

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News