Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 02 Luglio - ore 21.21

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Cassa ordinaria, cig e bonus autonomi, cosa ci aspetta

Fra lentezze e burocrazie, tantissimi lavoratori attendono ancora i primi soldi, ma c'è a chi va meglio e a chi va peggio. Bonus più puntuali e per aprile e maggio nuove categorie di lavoratori saranno coinvolte.

uno sguardo in avanti

Fuori provincia - Solo 173.565 domande inviate all'Inps per la Cassa Integrazione in deroga. I dati nazionali che riportuiamo sono quelli del 3 maggio e di queste domande 85.046 sono quelle autorizzate e 29.600 ai quasi 58mila che ne avevano diritto. Gestita dalle singole regioni, la Cig è l'ammortizzatore previsto per tutti quei lavoratori delle aziende che non possono ricorrere alla Cassa ordinaria. E presenta un iter più complicato proprio perché, in base all'accordo firmato fra parti sindacali e datori di lavoro, sono gli enti locali, leggasi regioni, a gestirle per poi passarle all'istituto di previdenza: ogni regione insomma è storia a sè. Per ora la Cassa integrazione in deroga riguarda 9 settimane e con il nuovo Decreto Aprile, slittato a maggio, dovremmo assistere ad una proroga di altrettante settimane, arrivando dunque a lambire novembre 2020. Sta andando meglio agli altri lavoratori: i beneficiari della cassa integrazione ordinaria e assegno ordinario sono 8 milioni, di cui 5,2 milioni hanno già ricevuto l’anticipo dalle aziende, mentre gli altri 2,8 milioni stanno per essere pagati.

Sempre parlando di soldi ai lavoratori, è nell'aria la conferma del bonus di 600 euro per i professionisti che hanno già percepito l'indennità relativa al mese di marzo. Mille euro a maggio, invece, dovrebbero andare a tutte quelle partite Iva che dimostreranno una riduzione dei redditi del 33% nel secondo bimestre 2020 rispetto al secondo bimestre 2019 oppure a quelli che avranno chiuso la propria attività prima dell'entrata in vigore del decreto. E questa volta dovrebbero essere coinvolti anche i lavoratori intermittenti, gli stagionali oltre a quelli del turismo e degli stabilimenti termali, i lavoratori occasionali e gli incaricati delle vendite a domicilio con più di 5 mila euro di giro d'affari. Confermata anche l'indennità per i lavoratori sportivi e per quelli dello spettacolo. La bozza del decreto di aprile completa il prontuario degli aiuti previsti per i liberi professionisti, sostegno partito con il dl Cura Italia che ha stanziato 3 miliardi per un bonus di 600 euro a favore di 5 milioni di partite Iva. Per il mese aprile, invece, il bonus andrà a coloro che se lo sono visto erogare dall'Inps per il mese di marzo. Attenzione: per richiedere il bonus del Cura Italia ci sarà tempo fino all'entrata in vigore del decreto e l'indennità non potrà essere cumulata con pensioni, mentre potrà essere goduta in aggiunta al reddito di cittadinanza ma con il limite complessivo fissato a 600 euro. Per i lavoratori dello spettacolo, il bonus sarà di 600 euro per entrambi i mesi e potranno goderne gli iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo con due settimane di contribuzione nel 2019 e un reddito non superiore ai 35.000 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Contagi e vittime sono in calo da tempo in Italia e i numeri del Covid sono quelli che si registravano a febbraio nei primissimi giorni della futura pandemia. Voi quali sensazioni avete oggi?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News