Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 28 Febbraio - ore 13.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Il progetto Enel un mero parcheggio di container"

La questione della proposta Enel Logistics per la Spezia arriva in Senato. I senatori Vitali e Berutti: "Non c'è alcuna traccia di un piano industriale e di concrete ipotesi occupazionali".

l'interrogazione

Fuori provincia - Si inizia a sollevare qualche dubbio sul progetto di riconversione delle centrali a carbone di Enel. In particolare nella parte in cui la aree dismesse avrebbero dovuto creare "valore aggiunto e occupazione". Negli scorsi giorni due senatori hanno posto un'interrogazione ai ministri dello sviluppo economico, dell'ambiente e delle infrastrutture e trasporti sui piani della multinazionale per le città della Spezia e Brindisi. Com'è noto, Enel vorrebbe destinare le aree della centrale "Eugenio Montale" in dismissione, e non occupate dalla nuova centrale a gas, alla logistica. Qualcosa che per i senatori diventerebbe "un mero parcheggio di container".
"La nascita nel 2020 della società Enel Logistics è stata accolta con interesse e fiducia, nell'assunto che la mission industriale fosse tesa, non solo al recupero ed alla riconversione di aree e strutture inutilizzate in Italia, in luoghi strategici come porti, aeroporti ed interporti per la logistica, la movimentazione e lo stoccaggio di merci, ma anche al fine di creare valore aggiunto ed occupazione, partendo da territori nel tempo penalizzati dalla presenza di centrali termoelettriche, spesso a carbone, da riconvertire a gas", ricordano i senatori Massimo Berutti (Misto-Cambiamo!) e Luigi Vitali (Forza Italia).

"La preannunciata conversione a gas delle quattro centrali a carbone Enel di Brindisi, Civitavecchia, La Spezia e Venezia è stata accolta favorevolmente in un primo tempo, quale necessario sostegno alla transizione energetica ed opportuna riduzione dell'impatto ambientale rispetto al carbone. Ad oggi, il progetto Enel Logistics a Brindisi ed a La Spezia, si è trasformato in un mero parcheggio di container senza alcuna traccia di un piano industriale e di concrete ipotesi occupazionali, che supportino le numerose unità lavorative che sarebbero potute essere impegnate con la nuova iniziativa".
Non solo, i senatori ricordano come "il 14 ottobre 2020 Enel ha comunicato, in un incontro con i sindacati FILCTEM, FLAEI e UILTEC, la chiusura prevista già dal prossimo anno, delle centrali elettriche ENEL a carbone di Brindisi, Fusina (Venezia), La Spezia e Civitavecchia, che determinerà un esubero di circa 800 lavoratori". Certo la crisi di governo attuale non facilita, ma la richiesta rimane di rendere pubblico il piano industriale di Enel Logistics e "chiarire se i siti individuati saranno bonificati (dal momento che tali aree negli ultimi 40 anni hanno generato un forte inquinamento) e se saranno posti al servizio delle comunità locali, e quali urgenti iniziative intendano adottare al fine di rispondere all'esigenza esposta".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News