Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 16 Ottobre - ore 17.21

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Con-Vivere 2018, a Carrara inizia il festival

Si parte con la conferenza del giornalista Giovanni Floris, Beppe Severgnini e Stefano Zamagni. Musei aperti a Carrara con orari straordinari

tutto il programma del primo giorno
Con-Vivere 2018, a Carrara inizia il festival

Fuori provincia - Prenderà avvio oggi, giovedì 6 settembre, alle 17.00 al Sagrato della Chiesa del Suffragio la tredicesima edizione di Con-vivere, il Festival organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara che quest'anno è dedicato al Lavoro. Il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara Alberto Pincione, il direttore scientifico Remo Bodei, alla presenza dell'assessore regionale all'istruzione, formazione e lavoro Cristina Grieco, del sindaco di Carrara Francesco De Pasquale e dell'assessore alla cultura del comune di Carrara Federica Forti, introdotti dalla giornalista di Rai 3 Eva Giovannini, apriranno l'edizione 2018. A seguire (Sagrato Chiesa del Suffragio ore 17.30) sarà Giovanni Floris, il popolare conduttore di Dimartedì, a tenere la prima conferenza del Festival edizione numero XIII. “Dalla scuola al lavoro. Perchè insegnanti e studenti possono salvare l'Italia.”

In tutto saranno 30 gli ospiti che si alterneranno sul palco di Con-vivere da giovedi 6 a domenica 9 settembre. Ventidue le location coinvolte, senza contare quelle previste nel ricco programma di Carraraperta. Come ogni edizione il ringraziamento da parte del Festival va ai volontari in maglia arancione che, coordinati dallo staff, saranno determinanti per la migliore riuscita della manifestazione. Ques’tanno numeri da record: saranno 230, e 20 sono stati gli stagisti provenienti dalle scuole superiori della provincia che hanno collaborato al Festival già nel corso dell’estate.

Il programma di giovedì 6 settembre primo giorno di Festival

Le conferenze.
Dopo la conferenza di Giovanni Floris
Alle 18 a Palazzo Binelli il professor Stefano Zamagni, con “Economia civile”.
Alle 19 presso il Sagrato Chiesa del Suffragio il giornalista Beppe Severgnini “L’informazione è un hobby?”

Alle 19,30 a Palazzo Binelli Fabrizio Loreto con “La fatica di Sisifo dei sindacati? La rappresentanza del lavoro nella storia italiana”
Infine, alle 21 in Corso Rosselli, il compositore, pianista, direttore d'orchestra e scrittore Giovanni Allevi terrà una conferenza spettacolo “Mamma voglio fare il musicista”. Sarà una lezione, nello stile inconfondibile del personaggio, rivolta ai giovani che sentono accendersi il sacro fuoco dell'Arte, ai musicisti e artisti in erba che aspettano di spiccare il volo del lavoro del musicista.

Film.

La prima giornata del Festival apre con Sole, cuore, amore”, 20,30 cinema Garibaldi, di Daniele Vicari. Il film, nastro d'argento 2017 e David di Donatello speciale 2018 racconta del lavoro di oggi che nega un riscatto sociale, raccontato attraverso la pesantezza e la fatica della vita di Eli (Isabella Aragonese),quattro figli, un marito disoccupato e due ore per andare e due per venire, sette giorni su sette, dal posto di lavoro. All’inizio della proiezione saranno lo stesso Vicari e Isabella Aragonese presenti al Festival a parlarne con il pubblico di con-vivere.
A seguire, alle 23,00 “Il Posto” di Ermanno Olmi in una copia restaurata che, quasi in contemporanea, verrà proiettata per la prima volta alla 75ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Una serata che vuole essere anche un omaggio a un grande Maestro scomparso pochi mesi fa che, con questo film, entrò ufficialmente nella storia del cinema italiano ricevendo, oltre ad altri importanti riconoscimenti, il Premio della Critica proprio alla Mostra di Venezia dove torna quest'anno e che ha avuto un legame molto particolare con la città di Carrara, ospite del festival nel 2015.

La musica
Alle 22 presso la tensostruttura il Coro Montesagro “Dalle cave alle case. Canti dal lavoro al quotidiano”;
Alle 22,30 presso il Sagrato della chiesa del Suffragio: Il gruppo Vincanto, con il concerto “Saluteremo il signor Padrone. Il lavoro nel ‘900 attraverso i canti popolari italiani”. Ilaria Savini, voce, percussioni,Alessandro Cei voce, chitarra, Simone Faraoni voce, fisarmonica, flauto dolce tenore e soprano,percussioni, ci condurranno nel mondo dei canti di tradizione orale italiana legati al lavoro. Un concerto che racconta la protesta, la voglia di riscossa e di giustizia sociale: dagli scioperi di inizio secolo per le otto ore in risaia alla storia del sindacalista siciliano Panepinto, ucciso dalla mafia nel 1911, fino ai canti nati nel dopoguerra, come quello che testimonia l'occupazione delle Officine Reggiane. Un percorso per riflettere sul lavoro ma anche sulla sua mancanza, sull’emarginazione data dall’esserne privi, che spesso costringeva ad emigrare verso terre sconosciute ed ostili, ieri come oggi.

Le passeggiate
Il primo appuntamento giovedi 6 settembre alle 21,00, sempre da Piazza Accademia “Il lavoro nella storia e nell'arte. Percorso nel museo diffuso del centro storico” con il patrocinio di Accademia Albericiana e Italia Nostra Sez. Apuo-lunense. Relatore: Davide Lambruschi.

Spazio Bambini
Dalle 17 e alle 18,30 alla biblioteca civica “La fabbrica di cioccolato”, il laboratorio creativo per bambini dai 5 anni in su ispirato all’opera di Roald Dahl a cura di Toupie Ludo Caffè e Istituto Alberghiero “G. Minuto”:accompagnati da eccentrici personaggi, i fortunati possessori del biglietto d’oro si troveranno a vivere cose straordinarie, sorprese meravigliose, incredibili prove e sperimenteranno l’arte del cioccolato con esperti maître chocolatier. Prenotazioni: 0585 55249.

A partire da domani (con un aperitivo di inaugurazione) e durante tutte le serate del Festival, dalle 20,30 alle 24,00 in Piazza Duomo, sarà possibile assistere alla installazione “Bianco animato. Le cave in celluloide”: un film di montaggio che esplora più di un secolo di immagini in movimento sulle cave carrarine. Iniziando da un documento dei Lumière di fine Ottocento e attraversando documentari, film di finzione, video d’arte e corti d’essai, l’opera presenta una serie di costrutti visivi associati tramite suggestioni compositive e analogie geografiche. L’installazione sarà realizzata da alcuni studenti dell’Accademia di Belle Arti, destinatari di una borsa di studio, coordinati dal docente Domenico Quaranta.

I MUSEI CIVICI
In occasione del festival, ingresso gratuito ai musei cittadini e apertura straordinaria fino alle ore 23.00 al CARMI - Museo Carrara e Michelangelo e al CAP - Centro Arti Plastiche (11.00-23.00); mentre Museo del Marmo dalle 11.00 alle 20.00.
Per agevolare i visitatori sarà funzionante anche il trenino turistico che da giovedì 6 a domenica 9 settembre, dalle ore 17.00, partirà dal parcheggio di San Martino, per proseguire per piazza Matteotti e fare tappa al Museo Civico del Marmo e poi al CARMI. Dalle ore 21.00 solo con fermata in piazza Matteotti e CARMI. Il costo del biglietto è di € 5,00. Iniziativa a cura dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Carrara

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News