Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Luglio - ore 22.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il relitto della Nuova Iside individuato dal Comsubin

Il peschereccio siciliano, affondato in circostanze misteriose con tre persone a bordo, è a 30 miglia al largo di Palermo. Sotto sequestro la petroliera Vulcanello.

i famigliari chiedono verità
Il relitto della Nuova Iside individuato dal Comsubin

Fuori provincia - Sono stati gli uomini del Comando subacquei e incursori e la loro abilità nell'utilizzo dei ROV (veicoli sottomarini a guida remota) a permettere di ritrovare il relitto del peschereccio Nuova Iside. Dopo un lungo lavoro, la barca è stata individuata in un’area a circa 30 miglia a nord di Palermo, a quasi 1400 metri di profondità. Sul luogo ha operato il cacciamine Numana con il supporto nelle ricerche della Guardia Costiera. La ricerca è iniziata lo scorso 30 maggio con l’impiego della fregata Carabiniere che aveva individuato un’area di possibile presenza, dove il cacciamine Numana ha poi svolto ulteriori ricerche.
Le profondità del fondale, la presenza di forti correnti marine e, l’incertezza della posizione dell’affondamento e le condizioni meteorologiche non ottimali, hanno reso la ricerca particolarmente difficile e complessa. La conferma dell’identità del relitto è stata ottenuta grazie ad alcune immagini del nome scritto sulla fiancata. Le immagini e il restante materiale ritrovato verranno ora messe a disposizione dell’autorità inquirente.
Il caso del peschereccio, scomparso lo scorso 12 maggio a dieci miglia al largo di San Vito Lo Capo insieme all'intero equipaggio di tre persone, ha mosso la magistratura. Sotto sequestro la petroliera Vulcanello nel porto di Augusta, che le tracce radar dimostrano essere stata nella stessa area della Nuova Iside al momento in cui si perdono i contatti con la nave. Sullo scafo dell'unità porta idrocarburi, la cui scatola nera è sotto analisi, è inoltre in corso una perizia dei RIS dei Carabinieri. Il ritrovamento operato dai militari del Comsubin potrebbe risultare decisivo nel ricostruire la sorte del peschereccio. Il corpo di uno dei pescatori, il 27enne Vito Lo Iacono, non è ancora stato ritrovato.

(foto di repertorio)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News