Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 20 Marzo - ore 22.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Comsubin impegnato a Molfetta: trovati 84 ordigni nel nuovo porto

Comsubin impegnato a Molfetta: trovati 84 ordigni nel nuovo porto

Fuori provincia - La città pugliese di Molfetta si prepara al trasferimento in cava, per il brillamento, degli ordigni recuperati dal nucleo Sdai della Marina militare con la partecipazione del Comsubin. Il trasferimento prenderà il via martedì 27 novembre. Complessivamente saranno portati in cava ottantaquattro ordigni a caricamento speciale ritrovati sui fondali del nuovo porto: 49 bombe d’aereo inglesi da trenta libre; un ordigno caricato con fosforo bianco; un ordigno probabilmente caricato al fosforo bianco; 32 piat (proietti anticarro); una bomba d’aereo da 30 libre statunitense.

Le operazioni di trasferimento sono state calendarizzate e si protrarranno fino al prossimo febbraio. I dettagli delle operazioni sono stati resi noti nel corso di una conferenza stampa, nella sede comunale di Lama Scotella. Oltre al sindaco hanno partecipato anche il Colonnello Alessandro Del Biondo, Comandante XI reggimento genio guastatori di Foggia, il Capitano Nicola Ducange, responsabile delle attività operative, il Tenente Colonnello Domenico Occhinegro, capo ufficio stampa dell’esercito, il Capitano di fregata Michele Burlando, comandante Capitaneria di porto di Molfetta, il Capitano Mirko Leonzio del Comsubin della Spezia, il Tenente Colonnello Giovani Di Capua, Comandante della Polizia locale, il Capitano Vito Ingrosso, Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Molfetta, e Commissario capo Gaetano Camporeale, responsabile della Protezione civile di Molfetta.

“Queste operazioni dimostrano concretamente – afferma Minervini – a cosa servono le forze armate: tutelano l’ambiente e la sicurezza delle persone. Si tratta di corpi altamente specializzati e che con le loro competenze ci aiutano a ripulire il nostro mare, in totale sicurezza. Sono le sentinelle della preservazione non solo dell’ambiente, ma anche del’economia e della convivenza civile”. Le operazioni di salpamento saranno eseguite dai militari dell’11esimo Reggimento genio guastatori e del nucleo Sdai della Marina militare. Gli ordigni, messi in sicurezza, saranno trasferiti in cava a Corato. L’autocolonna con gli ordigni attraverserà il quartiere Madonna dei martiri, nel tratto compreso tra la banchina del Nuovo Porto e via Mininni in assoluta sicurezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News