Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Luglio - ore 22.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Addio a Giacomo Verde, tecnonarratore teatrale e videomaker di grande talento

Il ricordo dell'ex compagna e del figlio
Addio a Giacomo Verde, tecnonarratore teatrale e videomaker di grande talento

Fuori provincia - E’ scomparso dopo lunga malattia, il noto videomaker e artista di teatro tecnologico Giacomo Verde. Viveva a Lucca ma era legato alla Liguria e alla Spezia, dove aveva portato performance e installazioni sin dal 2000 e dove vive l’ex compagna Anna Monteverdi studiosa di teatro e il figlio Tommaso, ex studente del Fossati.
Alla Spezia in occasione di una lunga residenza d’artista coordinato dalla Monteverdi aveva creato il primo spettacolo interattivo italiano "Storie mandaliche" nel 2000 in cui Verde era tecnonarratore. Sull’isola Palmaria per "Genius loci" aveva portato l’evento "A mettere mano, un’azione videosonora di “riciclaggio tv”" in cui gli spettatori erano invitati a spaccare il televisore e a creare con i frammenti piccole sculture in gesso realizzate in tempo reale.

Animatore del personaggio virtuale Bit (portato in Tv e al Museo della scienza), il teatro di Verde era un mix di ricerca, tradizione popolare e tecnologie: è stato il primo artista a usare internet come forma d’arte anche per il teatro con lo spettacolo "Connessioni remote" nel 2001 e a creare vivaci comunità legate dal filo comune della critica politica e dell’attivismo sociale attraverso l’arte. Socializzare saperi tecnologici: il movimento di “artivism” vede Verde tra i protagonisti assoluti e si è sviluppato e diffuso anche grazie alle sue pionieristiche proposte e oper’azioni artistiche. E’ stato ideatore e firmatario del primo "Manifesto Italiano del Virtuale Per una cartografia del reale" (1993) con Paolo Rosa, Antonio Caronia, Mario Canali, Antonio Glessi e Maria Grazia Mattei. Infaticabile creatore e inventore di modalità artistiche che usano la tecnologia “povera”, ha attraversato generi e linguaggi dalla videoarte alle installazioni digitali al teatro, frantumandoli e connettendoli insieme, in un techno collage di cui solo lui era capace.

Docente in varie Accademie e Dams (Carrara, Torino, Macerata, Roma), negli ultimi anni si era dedicato soprattutto al lavoro con collettivi artistici tra cui L.U.C.i.A. e soprattutto con l’associazione DadaBoom di Viareggio coordinato da Alessandro Giannetti. A lui, al figlio Tommaso e al fratello Sabatino, il difficile compito di unire i ricordi e di tenere sempre accesa l’attenzione su un artista che con la sua arte ha superato la sua stessa biografia per diventare un network. Impossibile ricordare tutti gli amici, le compagnie teatrali, i progetti in 40 anni di attività frenetica. Ci sarà modo di farlo attraverso un progetto archivio che farà capo al Dadaboom e si concretizzerà in manifestazioni, antologiche commemorative, eventi web. In questo momento si moltiplicano gli omaggi: il toccante ricordo su radio Rai3 Suite, quello artistico degli studenti di Net Art dell’Accademia di belle Arti di Carrara; il Teatro di Roma ha inserito lo spettacolo-testamento artistico di Giacomo Verde "Piccolo diario dei malanni", con il racconto della malattia e della precarietà dell’artista sul canale Youtube del teatro stesso. Il video resterà on line sul sito anche successivamente.

Anna Maria Monteverdi, Tommaso Verde

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News