Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 23 Febbraio - ore 00.49

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Una famiglia sulla Smeralda: "Prime analisi confortanti, no a psicosi"

I lunigianesi Valentina e Fabio insieme ai loro figli erano salpati da molo Garibaldi alla partenza della loro vacanza. A Cds raccontano la loro giornata sulla Costa: "Lieve preoccupazione, mai mancate le informazioni. Attendiamo le decisioni".

la testimonianza da civitavecchia
Una famiglia sulla Smeralda: "Prime analisi confortanti, no a psicosi"

Fuori provincia - "Come stiamo? Siamo in un hotel superlusso galleggiante, direi che stiamo decisamente bene". Sulla Costa Smeralda fermata al porto di Civitavecchia per il sospetto caso di Coronavirus c'è un mondo a parte, composito di decine di nazionalità e lingue. D'altro canto gli oltre 6mila occupanti, fra passeggeri ed equipaggio, costituiscono una sorta di città in movimento e sono tantissime le persone che, da luoghi diversi, si imbarcano in uno dei porti del Mediterraneo. Sulla nave, in attesa di novità dalle autorità competenti, ci sono anche degli spezzini. Una quindicina di persone nate in uno degli ospedali della provincia, ma anche qualcuno dalla vicina provincia di Massa Carrara, in particolare dalla Lunigiana. Valentina e Fabio con i loro due figli di 14 e 15 anni si sono imbarcati proprio da molo Garibaldi all'inizio della loro vacanza che ha toccato i vari porti che fanno parte dell'itinerario e direttamente dal pontone della nave, raccontano queste ore decisamente fuori dall'ordinario, in attesa di conoscere il loro destino: "Questa mattina - racconta Valentina con tono decisamente rassicurante - abbiamo vissuto un momento di lieve preoccupazione per il caso di questa signora colpita appunto dall'influenza. Ci hanno guidato in tutto e per tutto, spiegandoci che non si sarebbe saputo nulla fino al primo pomeriggio. Poi sono arrivate notizie più confortanti dalle analisi ma il sindaco ha stoppato le operazioni di imbarco in attesa di conferme ufficiali. Nessuno è sceso".

Che cosa succederà adesso lo attendono tutti: "Quel che sappiamo - continua Valentina, che vive con la famiglia a Gragnola, nel comune di Fivizzano - è che hanno restituito le gabine e che stasera dovremo lasciare la banchina dove siamo ormeggiati perché sarà occupata. Non ci siamo sentiti affatto abbandonati, tanti passeggeri si sono alternati all'ufficio informazioni per avere notizie ma comunque le cose venivano dette anche dagli altoparlanti. La giornata è andata avanti come al solito: con l'animazione, gli scivoli, le attività per i ragazzi. Ora aspettiamo che ci dicano dove andremo ma ho letto tante cose sbagliate, come ad esempio che siamo stati tutti analizzati e messi in quarantena. Ci tengo a dire che se domani saremo a Spezia non sarà la crociera degli appestati".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News