Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16 Agosto - ore 19.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Caleo: "Toti sposta... la Via dell'Amore a Spezia per fini elettorali"

Il senatore: "Non sono stati invitati rappresentati del governo e del territorio, si è scelto anzi un'assurda conferenza stampa nel capoluogo. Una vera indecenza".

Caleo: `Toti sposta... la Via dell´Amore a Spezia per fini elettorali`

Cinque Terre - Val di Vara - "Leggendo l’annuncio della progettazione per Via dell’Amore, ho riscontrato tante gravi scorrettezze da parte della Regione Liguria. Anzitutto, mi domando come il governatore Giovanni Toti non abbia pensato di coinvolgere il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti: proprio dalla sua spinta, e quindi del Governo, e dopo un lungo pressing del sottoscritto e di Raffaella Paita, era arrivato in autunno un robusto finanziamento di 3 milioni, mettendo finalmente in moto la macchina delle opere per la riapertura del sentiero". Massimo Caleo, senatore della Repubblica, tuona contro il presidente ligure, attaccando sia nel principio che nel merito: "Il comportamento della Regione è ancora più imperdonabile per la scelta della Spezia come sede di presentazione del bando. Mi meraviglia che non sia avvenuta a Riomaggiore, che non siano stati inviati i rappresentanti del Comune delle Cinque Terre e del Parco Nazionale e che non ci fosse ombra del Ministero. La spiegazione bella e buona è questa: Toti ha fatto di testa propria, dando l’annuncio per Via dell’Amore, comune di Riomaggiore, direttamente in città, guarda caso dove fra dieci giorni i cittadini saranno chiamati al voto e la campagna elettorale è entrata nella sua fase decisiva".

"Poi ancora - continua Caleo -, non posso tralasciare una circostanza che aggrava oggi il carico della Regione: il ritardo madornale. Già in autunno, il ministro Galletti aveva dato disposizione del finanziamento per Via dell’Amore, mentre soltanto in questi giorni è arrivato l’incarico a Ire per l’avvio della gara. Senza contare che la società in house regionale dovrà soltanto individuare i progettisti. Risultato: cinque mesi per fare tutto questo, rimandando alle calende greche l’inizio del cantiere. Penso infine che il governatore debba ora riparare a parecchi errori. Per le opere sul sentiero più bello del mondo, magari avrebbe dovuto individuare i criteri per la progettazione grazie a un tavolo istituzionale, presenti come minimo Comune e Parco. Invece ha preferito una conferenza stampa presenti il consigliere Andrea Costa noto sostenitore dei parchi e i suoi fidi assessori Giacomo Giampedrone e Giovanni Berrino, assente (sic!) l’assessore ai parchi Stefano Mai".

"Le domande che pongo sono certo non avranno alcuna risposta. Me ne farò una ragione - conclude Caleo -. Ma Toti non deve permettersi di sottovalutare l’impegno di mesi e mesi per la riapertura della Via dell’Amore. Tantomeno deve servirsi a fini politici di un progetto per le Cinque Terre per fare campagna elettorale alla Spezia. Una cosa del genere non si era mai vista. È una vera indecenza. Questo modo di agire getta un’ombra di sospetto sulle reali intenzioni della Regione: quello di coinvolgere i privati nelle opere. Il rischio di speculazioni è dietro l’angolo. Farò presente una situazione del genere al ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, al quale chiederò una relazione dettagliata sull’impostazione dei lavori".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure