Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 17 Febbraio - ore 00.03

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Spazio a Forza Nuova e poca memoria, Follo non era così"

L'associazione dei partigiani: "Avvertiti con solo due giorni d'anticipo, una prassi per l'amministrazione Cozzani".

l'amarezza dell'anpi
"Spazio a Forza Nuova e poca memoria, Follo non era così"

Cinque Terre - Val di Vara - "Non ci abitueremo mai a queste modalità sciatte e superficiali, a queste mancanze di rispetto e di sensibilità". Così la sezione ANPI di Follo commenta la gestione da parte dell'amministrazione Cozzani del 74esimo anniversario del rastrellamento nazifascista che colpì le frazioni di Sorbolo e di Bastremoli. "Ormai sono anni che la nostra associazione viene esclusa dalle cerimonie e dalle poche e scarse attività di memoria del comune di Follo. La convocazione ricevuta con due giorni di anticipo per la commemorazione di Bastremoli è un fatto che purtroppo è usuale per l'amministrazione Cozzani. Un triste consuetudine che si va ad aggiungere ad altre mancate comunicazioni riguardanti le commemorazioni dei tristi fatti che legano la nostra comunità ai crimini nazifascisti".

Il 12 dicembre 1944 reparti fascisti e tedeschi attuano un rastrellamento nell'area collinare del comune di Follo, investendo le frazioni di Sorbolo, Bastremoli e Carnea. Il paese di Sorbolo è saccheggiato dai rastrellatori, inoltre alcune baracche sono bruciate. Diverse persone sono fermate e in seguito detenute alla Spezia. Il civile Guglielmo Luti è sorpreso all'alba fuori dal paese dai rastrellatori appena giunti (era intento a governare le bestie) e fatto segno di colpi di arma da fuoco. Ferito gravemente, muore pochi giorni dopo (il 16 dicembre). Gli spari avrebbero allertato gli abitanti di Sorbolo e facilitato la loro fuga dai rastrellatori. Gli autori dell'episodio sono italiani appartenenti alla 33. Brigata Nera “Tullio Bertoni” della Spezia. Non prendono parte all'episodio reparti tedeschi.

"Abbiamo più volte sollecitato l'amministrazione a coinvolgere nelle cerimonie di ricorrenze, l'intera comunità, agevolandola con orari che non siano esclusivamente lavorativi. Ma evidentemente la sensibilità dell'amministrazione comunale follese resta sulla barra della retorica e poco su quello della pratica. Questo ennesimo atto - conclude la nota della sezione ANPI - porta con se la gravità di tanti altri episodi, dalla mancata partecipazione alla stesura della richiesta dell'onorificenza per il nostro comune, di cui sembrerebbe si siano perse tracce, all'assoluto silenzio sulla concessione dell'uso del suolo pubblico ad un'organizzazione neofascista come Forza Nuova. Questo atteggiamento della giunta Cozzani è uno schiaffo alla memoria ed ai valori fondativi della nostra comunità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News