Città della Spezia Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 20 Febbraio - ore 10.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Solidarietà alla Cgil, escalation pericolosa", arrivano i commenti

Solidarietà di Cisl e Uil, preoccupazione dal Pd. Rifondazione Comunista: "Questo è il brodo da cui fermenta questa sottocultura già sconfitta dalla Storia e che molti "millennials" stanno ri-abbracciando".

"Solidarietà alla Cgil, escalation pericolosa", arrivano i commenti

Cinque Terre - Val di Vara - Solidarietà e vicinanza da più parti alla Cgil della Spezia dopo lo striscione con simboli nazisti affisso all’ingresso della sede Spi Cgil di Ceparana. "Stiamo assistendo sempre più frequentemente e in maniera preoccupante ad azioni intimidatorie di stampo neo fascista - scrivono dall'Unione Comunale Pd Bolano e dal coordinamento Provinciale Partito Democratico -, il vile atto di stamattina non andrà ad intimorire l’importante lavoro che il sindacato svolge sul territorio.
Non dobbiamo abbassare la guardia e nemmeno sottovalutare gesti che nella comunità ceparanese sono stati oggetto negli scorsi mesi anche di una indagine delle forze dell'ordine a seguito di svastiche che avevano invaso cartellonistica, vetrine e la facciata della sede del Pd. I valori democratici non si faranno intimidire dai rigurgiti fascisti. Noi rafforzeremo per parte nostra il lavoro del Partito Democratico per riaffermare con forza i valori anti fascisti sempre più importanti e attuali in questo momento storico"

Anche il sindaco di Bolano Alberto Battilani è intervenuto: "Tutta la solidarietà e vicinanza agli amici della Cgil, provo sconcerto e sdegno rispetto a questo gesto, un gesto che ha l'obiettivo di intimidire e limitare la dialettica democratica e in quanto tale a mio giudizio non va sottovalutato ma anzi richiede la massima attenzione da parte delle forze dell'ordine. Il clima di questi ultimi mesi nel nostro paese ci deve spronare tutti a non abbassare la guardia , a non banalizzare e ad essere ancora più determinati nel difendere i valori della nostra Costituzione".

Da Genova anche Raffaella Paita ha voluto mandare un messaggio: "Lo striscione con la svastica e gli insulti trovato stamattina davanti alla sede dello Spi Cgil di Ceparana è un atto vile, che, purtroppo, ci conferma la pericolosa escalation dei rigurgiti neofascisti e neonazisti di questi ultimi mesi. Segnali come questo non vanno sottovalutati, anche perché simboli come la svastica rappresentano una radicalizzazione della galassia di estrema destra, che sta crescendo e si sta organizzando sempre di più. Contro queste intimidazioni inaccettabili serve una risposta forte, compatta e democratica. E mi aspetto una condanna unanime da parte di tutti i partiti e di tutte le istituzioni. Alla Cgil va la piena solidarietà del Gruppo del Partito Democratico in Regione Liguria".

“Esprimiamo piena solidarietà alla Cgil della Spezia per le scritte intimidatorie di stampa neonazista che sono apparse
sulla sede sindacale di Ceparana e ferma condanna di un gesto odioso”. Lo hanno detto Antonio Carro, segretario generale della Cisl e Nadia Maggiani, al vertice della Uil. “Siamo vicini ai colleghi della Camera del Lavoro sottolineando l’importanza di non abbassare mai la guardia verso la tutela dei presidi democratici”.

Anche Rifondazione Comunista infine esprime piena solidarietà e vicinanza alla Cgil per l'incivile episodio accaduto alla sede del sindacato a Bolano. "Ennesimo sintomo di un clima di enorme ignoranza e di odio sempre più marcato nel Paese che inevitabilmente sfocia, come ci ha già insegnato la Storia, nella più becera delle ideologie. Si comincia con un semplice striscione, poi con una manifestazione, quindi con la rappresentanza politica: il fascismo attecchisce ovunque e solo pochi nella società civile sembrano allarmarsi. E chi va a colpire? Naturalmente chi difende i lavoratori, gli ultimi, gli emarginati. Film già visto, purtroppo. E con amarezza e rabbia c'è da registrare, a Spezia come altrove, che molti stanno tentando di sdoganare sempre di più le parole d'ordine e i modelli pesudo-mussoliniani. Ad esempio si attacca ferocemente chi solleva la questione X Mas e chi difende ad oltranza i valori della Resistenza e della Costituzione, si fa finta di nulla quando si aprono sedi "legali" apertamente neofasciste, e addirittura si cerca di nobilitare e mettere alla luce, con la scusa dell'arte, statue di gerarchi del ventennio. Questo è il brodo da cui fermenta questa sottocultura già sconfitta dalla Storia e che molti "millennials" stanno ri-abbracciando. Mattone dopo mattone il muro fascista si innalza: sta a tutti noi ri-abbatterlo il prima possibile".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News