Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 18 Aprile - ore 22.50

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Se stazioni sono pericolose Paita inviti sindaci Pd a chiuderle"

La deputata del Partito democratico incalza l'amministrazione regionale su Cinque Terre Express e linea ferroviaria. La replica dell'assessore Berrino.

"ALLARMISMO"
"Se stazioni sono pericolose Paita inviti sindaci Pd a chiuderle"

Cinque Terre - Val di Vara - Prosegue il dibattito su Cinque Terre Express e dintorni, innescatosi in seguito alla presentazione del rinnovato look dei convogli da parte di Regione Liguria e Trenitalia. La deputata Pd Raffaella Paita ha attaccato la giunta Toti sostenendo che “preferisce le passerelle evitando di affrontare i problemi di fondo. Inaccettabile partire nel 2023 con gli interventi sulla linea ferroviaria, nonostante l'importante ritorno economico del Cinque Terre Express, come giustamente rilevato dal sindaco di Riomaggiore (QUI). Inoltre si è arenata ogni discussione sulle politiche per la regolamentazione di flussi così rilevanti da porre un serio problema di sostenibilità”. L'ex assessore regionale ha altresì 'rimproverato' alla Regione di aver mancato la riunione della Comunità del Parco in cui sarebbe potuta arrivare una risposta sugli interventi.

"Non è vero - ha replicato l'assessore regionale Gianni Berrino - che gli investimenti per le stazioni cominceranno nel 2023, sono partiti quest’anno nella stazione di Monterosso, andranno avanti nelle altre stazioni e si concluderanno nel 2023; ad ogni modo ricordo che gli introiti del Cinque Terre Express non hanno nulla a che fare con gli investimenti per le stazioni, che sono di competenza di Rfi e quindi del Ministero delle infrastrutture, e dato che il Pd è stato in quel dicastero fino all'anno scorso la domanda andrebbe rivolta a Paita e ai suoi compagni di partito. Quanto alle riunioni che Regione Liguria avrebbe disertato, la informo che siamo nel tavolo convocato dal Prefetto della Spezia, al quale partecipa anche il Parco: è in quella sede che ci stiamo occupando dei problemi legati ai flussi. La Fondazione Cima si è già detta disponibile a predisporre un piano globale di Protezione civile per le Cinque Terre, perché su un territorio come quello non ha senso intervenire a spot; ma se Paita ritiene invece che abbia senso e che le stazioni delle Cinque Terre siano pericolose, abbia il coraggio e la coerenza di invitare i sindaci del suo partito a procedere con le ordinanze di chiusura: sarebbe l'unica cosa da fare se fosse vero e non, come sembra, allarmismo lanciato irresponsabilmente all'inizio della stagione turistica. Paita si inventi qualcosa di più serio e credibile per tentare di rovinare la festa al Cinque Terre Express".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News