Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Agosto - ore 15.35

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Classe dirigente come branco di capodogli verso lo spiaggiamento"

Vittorio Alessandro, presidente del Parco delle Cinque Terre, commenta le elezioni e saluta Massimo Federici: "Con lui rapporti sempre molto costruttivi".

`Classe dirigente come branco di capodogli verso lo spiaggiamento`

Cinque Terre - Val di Vara - Anche il presidente del Parco nazionale delle Cinque Terre, Vittorio Alessandro, dalle colonne di Facebook, ha toccato il tema elezioni, cogliendo l'occasione per salutare l'ormai ex sindaco Massimo Federici. "Non so se elezioni amministrative possano considerarsi 'storiche', per Genova e la Spezia sicuramente lo sono, considerata la fine del lunghissimo primato politico che la sinistra vi aveva mantenuto - ha scritto Alessandro -. Si chiude, insomma, un'epoca e nella nuova nessuno (vincitori o vinti) potrà campare di rendita: gli elettori - sempre più pochi - ormai quasi non hanno casa. Massimo Federici è stato il 'mio' sindaco. Dieci anni fa, infatti, arrivato per la prima volta alla Spezia come comandante del porto, lo trovai appena avviato al lavoro in una città in forte trasformazione: la crisi dell'arsenale, del polo industriale e del 'polmone' pubblico, la solitaria crescita del porto, una ancor timida apparizione delle navi da crociera".

Poi l'analisi del lavoro pregresso, di come si è arrivati all'attualità: "In questi dieci anni la Spezia è cresciuta, pur senza una piena consapevolezza delle nuove opportunità, tenendo forte la propria storia di solidarietà civile e il rispetto delle vicende umane, singole e collettive, che hanno reso questa città ciò che è. Al di là dei rapporti istituzionali tra noi sempre molto costruttivi, sul piano personale ho talvolta trasferito a Massimo molte delle mie preoccupazioni di fronte a quello che mi è parso l'inspiegabile suicidio politico di una classe dirigente simile a un branco di capodogli ostinatamente in rotta verso lo spiaggiamento. Ora, finito il suo impegno di sindaco e, a breve, anche la mia permanenza in città, su molti argomenti probabilmente ci spiegheremmo meglio. A me resta la certezza che la Spezia, cresciuta nonostante una crisi nazionale senza precedenti e oggi comunque con molte frecce al proprio arco, nel lontanissimo 2007 abbia scelto bene il proprio sindaco, in ogni caso il 'mio' sindaco. Al nuovo, i complimenti e calorosi auguri di buon lavoro".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure