Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Agosto - ore 22.31

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Ci hanno chiamato i cittadini. Andremo dove la gente vorrà"

Il movimento neo-fascista non si ferma: "Pronti ad intervenire, anche nel comune capoluogo". Alessandro: "Casapound in spiaggia. Ma guardarsi indietro e rileggere il passato?"

`Ci hanno chiamato i cittadini. Andremo dove la gente vorrà`

Cinque Terre - Val di Vara - La discesa in spiaggia dei militanti di CasaPound ieri a Monterosso è tema di dibattito in un'estate di polemiche. I poundini sono scesi in strada per protestare contro il fenomeno della vendita abusiva, altamente diffuso in tutto il litorale, in particolare nelle Cinque Terre: "Non possiamo accettare che turisti e viaggiatori siano continuamente presi d'assalto da queste persone che, oltretutto, non posseggono alcuna licenza o permesso per vendere i loro prodotti - spiega in una nota Francesco Carlodalatri, responsabile provinciale del movimento - Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni riguardati questo problema e siamo intervenuti." Ci sono state parecchie critiche: "Abbiamo invitato pacificamente i venditori ad abbandonare il litorale - conclude Carlodalatri - fino all'intervento della Guardia di Finanza, la quale ha definitivamente dato il via alla pazza fuga degli abusivi. Questo blitz simbolico sta a dimostrare come il problema sia completamente risolvibile, e nonostante l'amministrazione abbia più volte provato ad arginare questo fenomeno, evidentemente non è stato fatto abbastanza. Continueremo comunque a monitorare la situazione in modo da, nel caso non cambiassero le cose, essere pronti ad un altro intervento."

"Prendiamo atto delle iniziative promosse dal sindaco Moggia per combattere i venditori abusivi, ma CasaPound Italia è stata contattata dai suoi cittadini per intervenire a Monterosso, di conseguenza il problema non pare realmente risolto (o per lo meno arginato). Il nostro di ieri doveva essere un semplice sopralluogo e volantinaggio, ma vista la nutrita presenza dei suddetti venditori, abbiamo deciso simbolicamente e pacificamente di invitarli ad interrompere la vendita.
Il tutto è stato interrotto con l'arrivo di una volante (probabilmente di passaggio) della Guardia di Finanza: alla vista delle forze dell'ordine i venditori abusivi sono fuggiti molto rapidamente verso la stazione. Questo, insomma, lascia intendere quanto poco basterebbe per risolvere il problema. CasaPound è al fianco dei cittadini e dei commercianti, e se verrà richiesta la nostra presenza per un determinato problema noi ci saremo, a Monterosso come a Spezia o in tutta Italia."

Non ha fatto mancare il suo commento Vittorio Alessandro, presidente del Parco delle Cinque Terre: "Sarebbe meglio si dicesse: è vietato il commercio ambulante sulle spiagge, o posizionare mercanzia sui marciapiedi, o suonare per le strade - piuttosto che lanciarsi contro gli immigrati che praticano queste attività. Gli immigrati, infatti, non sono una categoria con un marchio sociale, ma persone che, quando sbagliano, vanno punite, mentre i ragionevolissimi discorsi sull'accoglienza stanno altrove, e tutti abbiamo ben diritto di parteciparvi. Se, invece, avendo fatto ogni giorno di questi temi un cavallo di battaglia, qualcuno insiste col chiedere che Casapound (ovvero un movimento politico, non un servizio di polizia) scenda sulle spiagge a liberarci dagli immigrati e, finalmente, un importante quotidiano ospita la richiesta, Casapound, che è un movimento politico, naturalmente scende sulle spiagge (anche questo è successo ieri). Ma, dico, guardarsi un attimo indietro a rileggere il nostro passato, è davvero troppo? Tutto questo è successo a Monterosso, Liguria".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure