Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 03 Marzo - ore 22.23

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Dai vigneti recuperati a Tramonti nasce “Cimento”

Dalla collaborazione fra l'associazione "Per Tramonti" e la cantina "Primaterra" nasce il vino realizzato nei terreni dati in comodato d'uso.

ripiantate 900 barbatelle"
Vigna Cimento

Cinque Terre - Val di Vara - L'Associazione Per Tramonti, da anni impegnata a realizzare un progetto di recupero di terreni abbandonati, ha appena lanciato il "Cimento, vino realizzato con le uve raccolte nei terreni ricevuti in comodato con la collaborazione della Cantina Primaterra.
"Otto anni fa - spiegano gli ideatori - l’Associazione Per Tramonti (organizzazione di volontariato) ha iniziato a studiare la possibilità di ripiantare le viti nei terreni in abbandono nell'area di Campodonico a Schiara (Tramonti). I vigneti di questa zona sono coltivati da famiglie che si tramandano da generazione in generazione il possesso della terra e le tecniche di coltivazione. Poi, qualcosa si è inceppato, le ultime generazioni, quelle dei nati dopo la Seconda Guerra Mondiale, non hanno raccolto, salvo alcune eccezioni, questa eredità. È successo quindi che le persone che si curano delle vigne, una volta diventate anziane, hanno cominciato ad abbandonare i terreni. Molte vigne sono state invase dalla vegetazione, molti muri delle terrazze, una volta crollati, non sono stati più ricostruiti.
Con l'aiuto dell'Ufficio Tramonti del Comune della Spezia, è stato possibile prendere contatti con i proprietari che stavano abbandonando i terreni ed è stato loro proposto di cedere i terreni in comodato gratuito per un periodo di 20 anni. In questo modo essi potevano mantenere la proprietà e garantire ai terreni stessi una sopravvivenza e un futuro in termini di cure agricole.
L’Associazione si impegna, pena la decadenza dell’accordo contrattuale, a realizzare l’impianto di nuovi vigneti e a provvedere alla manutenzione dei muri a secco. Nei primi due anni l’Associazione ha raccolto fondi attraverso donazioni e campagne di crowd funding per realizzare la prima fase del progetto: l’impianto dei nuovi vigneti. A volte qualche giovane, ora impegnato nello studio o nel lavoro, ha invitato i nonni e i genitori a cedere i terreni in comodato, in modo da garantirsi in futuro la possibilità di rientrare in possesso di vigne curate e in ordine.
Per l'allevamento dei vigneti e per la vinificazione l'associazione si è avvale della collaborazione appassionata di Walter De Battè, uno dei produttori più impegnati nella riscoperta di vini legati al territorio delle Cinque Terre. Il lavoro nelle vigne è diventato una opportunità per alcune persone a fronte di una situazione di precarietà. Da diversi anni i vigneti sono in produzione ed è possibile sostenere il progetto e ricevere in cambio un riconoscimento tangibile, le bottiglie di vino, in proporzione al sostegno fornito".

Quali risultati in termini di recupero del territorio dall’abbandono?
"Tra il 2019 e oggi l’Associazione Per Tramonti ha acquisito altri terreni in comodato gratuito vicino agli altri, sui quali sono state ripiantate 900 barbatelle. Al momento sono stati recuperati 2.500 mq. Il progetto ha innescato un processo analogo da parte di altre associazioni, di privati e di aziende agricole. Complessivamente al momento sono stati recuperati da altri soggetti 4.000 mq e sono in corso iniziative per altri 1.000 mq.
Rispetto al 2019 ci sono 7.500 mq in più, recuperati e in fase di recupero. Queste cifre incoraggianti sono state raggiunte grazie al sostegno che il progetto dell'Associazione riceve attraverso l'acquisto delle bottiglie di Cimento, il vino prodotto. Con gli introiti l'Associazione è in grado di coprire le spese e, nelle annate migliori, di incrementare la quantità di terreni recuperati. Il Cimento si è anche accreditato come un vino di qualità e viene regolarmente acquistato da molte enoteche e ristoranti locali, La Cambusa (La Spezia) , A pie de ma (Riomaggiore), Il filo di paglia (Carro), A pie de campu (Manarola), La cantina del macellaio (Riomaggiore), Enoteca internazionale (Monterosso), Osteria della corte (La Spezia), Trattoria La Brinca (Chiavari), Azienda Agricola Arvaxia (Tramonti), Il Barlume (Sant'Antonio)".

Che significato ha tutto questo?
"Significa invertire una tendenza che sembrava inarrestabile. Significa mantenere viva una tradizione locale di valore storico ed economico: la produzione del vino. Il Cimento è un vino apprezzato da molti ristoranti ed enoteche della Spezia, di Portovenere e delle Cinque Terre. Ma non è solo un buon vino, un vino che esprime Il territorio attraverso la tecnica di coltivazione e vinificazione rispettose dell‘ambiente. È soprattutto il veicolo, lo strumento, il testimone che permette a tutti di partecipare in modo concreto al sostegno di un progetto che non è più solo un sogno".

Maggiori informazioni sulla pagina Facebook di Associazione Per Tramonti

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News