Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 20 Settembre - ore 15.01

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Un voto per salvare il borgo di Carro

Il Censimento dei luoghi del cuore come sempre è promosso da Fai e Intesa Sanpaolo: un voto per il borgo è un voto per l'intera Valle del Vara.

censimento "I LUOGHI DEL CUORE"
Un voto per salvare il borgo di Carro

Cinque Terre - Val di Vara - Ai confini della provincia, laddove nasce il torrente Castagnola che scenderà per sfociare mare Ligure. L'ultimo lembo di Parco naturale regionale di Montemarcello-Magra-Vara, è rappresentato dal comune di Carro, protagonista dell'iniziativa legata al censimento "I Luoghi del cuore". E' partito il tam tam con l'obiettivo di mettere in vetrina il piccolo borgo dell'Alta Val di Vara che merita di essere preservato e valorizzato nel suo insieme come patrimonio naturalistico e storico artistico di grande pregio e interesse nazionale. Carro, luogo natale della famiglia del grande musicista Niccolò Paganini, fa parte di un'area paesaggistica meravigliosa in cui la natura incontaminata e i piccoli borghi millenari raccontano la straordinaria bellezza dell'Italia meno conosciuta che è rimasta intatta nei secoli preservando dunque un'atmosfera sospesa nel tempo. Un patrimonio da tutelare, difendere, rispettare e far conoscere. Il Censimento dei luoghi come sempre è promosso da FAI e Intesa Sanpaolo. "Cambiamo insieme il suo destino", vota anche tu su www.iluoghidelcuore.it

Il borgo, di origine romana, fu un antico possedimento religioso del vicariato di Framura fino al passaggio del feudo dapprima agli Estensi, nell'XI secolo, e in seguito ai Malaspina; questi ultimi cedettero la proprietà feudale alla famiglia Da Passano per volere della diocesi di Brugnato. Nel 1229 si costituì comune libero e autonomo stipulando un'importante alleanza con la Repubblica di Genova. Dopo una breve parentesi feudale con la famiglia Fieschi, che assoggettarono il territorio nel biennio 1271-1272, Carro si sottopose definitivamente alla repubblica genovese che, per la sua importanza strategica lungo la via che dalla val di Vara risaliva la valle fino a Piacenza, eresse il borgo al titolo di podesteria dal 1299 seguendone le sorti. Dal 1556 ebbe autonomi statuti. Nel 1797 con la dominazione francese di Napoleone Bonaparte venne inserito, dal 2 dicembre, nel Dipartimento del Vara, con capoluogo Levanto, all'interno della Repubblica Ligure. Dal 28 aprile del 1798 con i nuovi ordinamenti francesi, il territorio di Carro rientrò nel IV cantone, come capoluogo, della Giurisdizione di Mesco e dal 1803 centro principale del IV cantone di Godano nella Giurisdizione del Golfo di Venere. Annesso al Primo Impero francese dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento degli Appennini. Nel 1815 fu inglobato nella provincia di Levante del Regno di Sardegna, così come stabilì il Congresso di Vienna del 1814, e successivamente nel Regno d'Italia dal 1861. Dal 1859 al 1927 il territorio fu compreso nel IV mandamento di Godano del circondario di Levante prima facente parte della provincia di Genova prima e, con l'istituzione nel 1923, della provincia della Spezia (fonte wikipedia).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News