Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 08 Agosto - ore 10.55

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Olocausto, un video-racconto realizzato dagli studenti

Il sindaco Moggia ha voluto ringraziarli pubblicamente. Toccante il racconto di Francesca Pollicardo che ha raccontato la storia di amore e di speranza nata tra i suoi nonni materni nel campo di concentramento di Helmestedt.

a monterosso
Olocausto, un video-racconto realizzato dagli studenti

Cinque Terre - Val di Vara - Ieri mattina, martedì 28 gennaio, il primo cittadino Emanuele Moggia con il Vice Sindaco Vincenzo Rollando e l’Assessore Michela De Simoni Michela De Simoni, ha partecipato alla giornata organizzata dagli studenti, insieme ai loro insegnanti, per commemorare le vittime della persecuzione ebraica. Presenza gradita anche il Dirigente Scolastico Sonia Quinzi. I ragazzi hanno presentato un breve cortometraggio in bianco e nero interpretando giovani del tempo che, da un giorno all’altro, per motivi religiosi e razziali, hanno perso il diritto di frequentare la scuola e di istruirsi, il diritto di avere degli amici e di vivere la spensieratezza dell’infanzia e dell’adolescenza. Nel racconto gli studenti hanno portato alla luce uno tra gli aspetti più drammatici di quel periodo: l’indifferenza di chi si credeva amico, compagno e l’umiliazione di essere emarginato, espulso dalla società e privato della propria identità.

Gli studenti hanno poi ricordato i tantissimi bambini morti nel corso dello sterminio nazifascista e tutto il dolore di quegli anni bui della storia dell’umanità, hanno letto poesie e pensieri di adolescenti e giovani che hanno vissuto l’orrore della persecuzione e della reclusione. “Per questo occorre mantenere vivo il ricordo, non solo nella Giornata della Memoria, ma ogni giorno, affinchè non ci sia terreno fertile per l’instaurarsi di subdoli meccanismi e per non ripetere più terribili errori. È necessario ed indispensabile non dimenticare, tramandare alle nuove generazioni le testimonianze di chi ha vissuto quegli anni drammatici" - commenta il sindaco e consiglia agli studenti a lettura del libro La banalità del male di Hannah Arendt che bene fa comprendere come anche dietro a un uomo comune, se superficiale, mediocre ed incapace di pensare al valore morale dei propri atti, vi sia la possibilità di compiere il male senza quasi accorgersene.

Gli amministratori monterossini poi desiderano rivolgere un sincero ringraziamento a Francesca Pollicardo che, con un linguaggio che va dritto al cuore, ha saputo emozionare tutti i presenti condividendo la storia di amore e di speranza nata tra i suoi nonni materni nel campo di concentramento di Helmestedt. Il simbolo di questa speranza, quando tutt’intorno c’erano morte e disperazione, è un documento firmato da Teresa e Tullio in cui si giuravano amore e si promettevano di trascorrere la vita insieme una volta usciti dal campo di concentramento. Le memorie di nonno Tullio Ciocchetti raccontate attraverso la voce della nipote Francesca sono di amore, di fiducia in un futuro migliore. Ed era proprio questo pensiero che dava la forza ai due giovani di continuare a vivere: la speranza che le cose sarebbero cambiate. Questo ci insegna a non piegarci a ciò che non condividiamo, alle ingiustizie e ad alimentare la fiamma
del coraggio della speranza per avere la forza di cambiare il nostro presente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News