Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Luglio - ore 12.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La vita di Guido Rossa e il '68 spezzino temi dei prossimi incontri

“Monterosso un mare di libri”
La vita di Guido Rossa e il '68 spezzino temi dei prossimi incontri

Cinque Terre - Val di Vara - Secondo appuntamento della rassegna “Monterosso un mare di libri”: giovedì 11 luglio alle 21,30, al Molo dei Pescatori interverranno Filippo Paganini che presenterà “I giorni del ’68” (Edizioni Giacchè) e Donatella Alfonso con “Uccidete
Guido Rossa” (Castelvecchi), scritto assieme a Massimo Razzi. Una serata che affronta uno dei periodi cruciali del Novecento. Donatella Alfonso narra la vita di Guido Rossa, operaio e sindacalista all’Italsider di Genova Cornigliano, iscritto al Pci, assassinato il mattino del 24 gennaio 1979, mentre stava entrando in auto per recarsi a lavoro. Secondo la colonna genovese delle Brigate Rosse, la sua colpa è stata di aver denunciato, tre mesi prima della sua morte, un compagno di lavoro scoperto a diffondere in fabbrica volantini brigatisti. Da quel momento cominciano la solitudine di Guido Rossa e i troppi misteri. Era stato deciso solo un ferimento, ma un uomo del commando è tornato indietro per sparare i due colpi mortali: qualcuno nei vertici delle Br gli ha dato via libera? Nonostante le pesanti condanne, Lorenzo Carpi, l’autista del gruppo, non è mai stato arrestato né rintracciato. Dov’è fuggito? E, soprattutto, è stato aiutato? Da chi? Nel movimento operaio quella morte è uno spartiacque che segna il punto di rottura con il percorso delle Br: si rompe la zona grigia tra gli operai e l’area “silenziosa” che è finora rimasta a guardare gli attacchi ai simboli dell’industria e della politica, Aldo Moro incluso.

Filippo Paganini affronta invece il racconto di un anno denso di avvenimenti, il 1968. Sullo sfondo una città i trasformazione, La Spezia, viva e vitale, attraversata dalla forte tensione sociale degli anni post "miracolo economico" da una diffusa voglia di partecipazione e da una dinamica vita culturale, sportiva e associativa. Le autostrade per Parma e Genova sono in costruzione, la centrale Enel (allora Edison Volta) è stata inaugurata da pochi anni, si progetta la Snam di Panigaglia, viene abbattuta l’antica tettoia Liberty di piazza del mercato. Gli avvenimenti e i protagonisti della vita spezzina di quell’anno, con la contestazione giovanile, i forti cambiamenti nel costume, nella politica, nella cultura
e nello sport, sono ricostruiti nel libro grazie alle collezioni delle cronache dei giornali, alle testimonianze e agli archivi fotografici e documentali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News