Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Marzo - ore 19.53

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Giorgio Pagano presenta il libro e la mostra fotografica “Sao Tomé e Principe”

a framura
Giorgio Pagano presenta il libro e la mostra fotografica “Sao Tomé e Principe”

Cinque Terre - Val di Vara - Domenica 9 dicembre alle ore 17 a Framura (località Setta - Aula consiliare) Giorgio Pagano presenterà il suo libro “Sao Tomé e Principe - Diario do centro do mundo”. La presentazione è organizzata dal Comune di Framura e dall’Associazione Culturale Mediterraneo. Dopo il saluto del Sindaco di Framura Andrea Da Passano, il libro sarà presentato da Sergio Schintu, segretario di Januaforum; sarà presente l’autore. Prima della presentazione del libro sarà inaugurata la mostra fotografica. A presentarla il critico Giovanna Riu.
Il libro è già stato presentato alla Spezia e a Genova in più occasioni, e a Sarzana, Lerici, Firenze, Milano, Lucca, Pontremoli, Roma, Savona, Fivizzano, Viareggio, Levanto, Sesta Godano, Monterosso, Sestri Levante, Massarosa, Chiavari, Verona, Albenga, Marina di Massa e Follo.
“Sao Tomé e Principe - Diario do centro do mundo”, edito dalle Edizioni Cinque Terre, contiene il Diario dell’esperienza di Pagano come cooperante nelle isole di Sao Tomé e Principe tra il 2015 e il 2016, il saggio introduttivo “La ‘nostra’ Africa” e i capitoli “Dalla cooperazione tra Comuni al partenariato tra comunità”, “Italia Mediterraneo Africa” e “L’esempio”. Il libro, che ospita la Prefazione del professor Gian Paolo Calchi Novati e un contributo di Mario Giro, già Viceministro agli Affari Esteri, è inoltre un reportage fotografico sulle “isole al centro del mondo”, con 115 immagini.
“L’Africa -scrive Pagano- è sempre più ‘nostra’. Le migrazioni, la globalizzazione e la crisi economica, il terrorismo jihadista: tutto spinge a superare i confini, a rendere permeabili le frontiere, a unire Europa e Africa. L’Europa non può più essere altra rispetto all’Africa, e viceversa: i destini sono interconnessi, il rapporto è e sarà sempre più stretto, tra grandi difficoltà e altrettanto grandi opportunità. Troppe sono le cause comuni che ci interpellano. L’Africa è il nostro grande Sud, l’Europa è il grande Nord dell’Africa… Il grande obbiettivo, ‘in direzione ostinata e contraria’, è quello di un’Africa che vinca la povertà senza subire le ferite irreversibili dell’invasione ‘sviluppista’. L’idea di ‘una cooperazione per domare il demone dello sviluppo’, che unisca i popoli del Sud e del Nord del mondo, comincia lentamente a farsi strada. Sembra un appello a fare cose impossibili. Eppure se il futuro ci riserva qualcosa di diverso dalla infinita ripetizione dello sviluppo e dei suoi miti qualcosa di questo impossibile non è destinato a rimanere per sempre tale”.
La mostra sarà visitabile fino a domenica 16 dicembre: tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 12; sabato e domenica anche dalle 21 alle 23.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News