Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 20 Aprile - ore 22.18

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Federico Rampini a “Monterosso: un mare di libri”

L'intellettuale genovese giovedì prossimo sarà al Molo dei Pescatori: "Ogni crisi ci sfida a capire. Quel che il mondo vuole dirci è spiegato nelle carte geografiche e nella loro storia. Ma quelle studiate a scuola non bastano".

con le sue “Linee rosse”
Federico Rampini a “Monterosso: un mare di libri”

Cinque Terre - Val di Vara - Giovedì 26 luglio alle ore 21,30 al Molo dei Pescatori per la rassegna “Monterosso: un mare di libri” Federico Rampini presenta “Le linee rosse. Uomini, confini, imperi: le carte geografiche che raccontano il mondo in cui viviamo” (Mondadori). Già giornalista di «Rinascita» e de «Il Sole 24 Ore», poi capo della redazione milanese e inviato del quotidiano «La Repubblica» a Parigi, Bruxelles, San Francisco e Pechino, oggi Rampini è capo della redazione di New York del quotidiano ideato da Scalfari. Ha insegnato alle Università di Berkeley, Shanghai e al Master della Bocconi.
Rampini terrà una sorta di lezione magistrale tra politica e geografia con l’ausilio di un grande schermo per ripercorre i luoghi dei grandi conflitti del pianeta. Il merito maggiore dell'ultimo libro di Federico Rampini - Le linee rosse, Mondadori - è di sfatare i miti antigeografici, di ricordarci come senza leggere lo spazio nel tempo e il tempo nello spazio non possiamo orientarci nel mondo. La stessa idea che possa darsi un'etica astratta, insensibile ai mutamenti del pianeta - perché il mondo sta cambiando ogni minuto sotto i nostri occhi, e non solo per via del clima - è alimentata dall'indifferenza per la geografia. Non c'è geografia senza carte.

"Viaggiamo di più. Capiamo di meno. Mentre lo attraversiamo in velocità, - spiega Rampini - il mondo ci disorienta. I leader brancolano nel buio. Fissano delle “linee rosse” che non capiscono. Forse perché non leggono. Quel che il mondo vuole dirci è spiegato nelle carte geografiche e nella loro storia. Ma quelle studiate a scuola non bastano. Bisogna penetrare il loro significato nascosto, incrociare il paesaggio terrestre con le storie delle civiltà, dei popoli e degli imperi. Ogni crisi – dai profughi alla Corea del Nord, dal terrorismo al cambiamento climatico, dagli autoritarismi ai nuovi protezionismi, dalle “missioni impossibili” di papa Francesco all’inquietante utopia dei social media – ci sfida a capire".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News