Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 26 Settembre - ore 22.37

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Bramante, Manarola e la terza generazione

"Ho ancora quella cassa, è talmente vecchia che è l’unica rimasta con l’etichetta dove è ancora scritto ‘Sciachetrà’, con una C sola"

humans of cinque terre
Bramante, Manarola e la terza generazione

Cinque Terre - Val di Vara - Quando nasce qualcuno, nelle Cinque Terre, si mette via una cassa di Sciacchetrà.
A 7 anni travasavo il vino con mio nonno Bramante, nato nel 1900. A 11 aiutavo mia madre in osteria. Ero ballerino, per seguire il locale ho dovuto rinunciare ad andare a fare l’accademia ad Amsterdam quando avevo 19 anni.
Lui, Bramante, a 18 anni si è imbarcato per la Prima Guerra Mondiale, ma due mesi dopo era finita. Poi ha aperto una salagione di acciughe. Aveva dei soci, tre barche.

Ma la concorrenza delle acciughe spagnole prima della Seconda Guerra Mondiale li mise fuori mercato, così i soci scapparono e lui fallì. Fu così che decise di aprire il locale. Mise da parte una cassa di Sciacchetrà, come fosse una nascita. Ce l’ho ancora, è talmente vecchia che è l’unica rimasta con l’etichetta dove è ancora scritto ‘Sciachetrà’, con una C sola. ‘Fallirai di nuovo’ gli dicevano tutti. E invece era il ‘58, lui è morto nel ‘92, e lo ha fatto qui dentro. Ora portiamo avanti il locale noi della terza generazione, anche se la mamma ci dà sempre una mano.
Mia sorella fa il mattino, io il pomeriggio. È una divisione semplice. Ci piacciono le cose semplici.

Mio padre era sudanese, i miei si erano conosciuti a Genova quando studiavano lì all’Università, poco dopo la mia nascita ci trasferimmo con tutta la famiglia in Sudan. Quando avevo 3 anni mia madre decise di tornare in Italia. Io la seguii insieme alla mia sorellina, mentre mio padre rimase nel suo Paese. Fu l’ultima volta che lo vidi: 7 anni dopo ricevemmo la notizia della sua morte nella guerra civile Sudanese.
Quando ho compiuto 40 anni ho aperto 3 bottiglie della cassa di Sciacchetrà. La prima era imbevibile, sono andato a Milano per prendere un volo il giorno dopo e per poco non lo perdevo da quanto sono stato male. La seconda era così così, la terza eccezionale. È come per la vita, tre persone che nascono e crescono nello stesso tempo e nello stesso luogo diventano persone così diverse. Non ti so dire se buone o cattive. Ma diverse. Non c’è una ricetta, bisogna rassegnarsi che nella vita un tot di cose dipendono dal caso.
Secondo mio nonno il termine Sciacchetrà derivava da Sciacca e Trà: Schiaccia e togli.


Gabriel dialoga con Filippo Lubrano

Per approfondire su Instagram clicca qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News