Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 16 Agosto - ore 22.49

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Batteria Racchia e Torre Guardiola, col Fai l'altra faccia di Riomaggiore

Domenica prossima fra i 170 itinerari tematici in tutta Italia anche la riscoperta dei borghi come persone “del posto”. Un ricco programma davvero per tutti i gusti.

Batteria Racchia e Torre Guardiola, col Fai l'altra faccia di Riomaggiore

Cinque Terre - Val di Vara - Soffermare l’attenzione sulla piazza che attraversiamo per andare al lavoro o conoscere come vivevano i proprietari dell’elegante villa che scorgiamo dal balcone di casa. Sono modi diversi di scoprire la nostra città da punti di vista nuovi e il FAI – Fondo Ambiente Italiano ci invita a rinnovare il nostro sguardo sull’Italia partecipando, domenica 15 ottobre 2017, alla Giornata FAI d’Autunno, realizzata dai gruppi FAI Giovani a sostegno della campagna di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia”, attiva dal 1° al 31 ottobre.
Quest'anno l'itinerario porterà i visitatori alle Cinque Terre, appena svuotate dal massimo flusso turistico stagionale. “Riomaggiore e Manarola , tutto ciò che non è stato ancora scoperto", il titolo del percorso volto a “riscoprire” alcuni gioielli della più famosa tra le chicche del nostro territorio, immergendoci in essi come persone “del posto”. Apprezzandone la storia, con la visita alla Batteria Racchia, l'ambiente e il territorio, grazie all'incontro con i volontari della Fondazione Manarola ed infine la comunità ed il suo patrimonio artistico, passeggiando per il borgo di Riomaggiore tra opere architettoniche e tradizioni.

Tre itinerari. Il percorso prevede il susseguirsi di tre itinerari: il primo si chiama "Riomaggiore tra arte e storia", una passeggiata tra la storia e l’arte del Borgo di Riomaggiore. Partendo dalla Marina si incontrano i "trogi", lavatoi pubblici usati per lavare i panni quando ancora nelle case mancava l'acqua corrente ed il nucleo più antico del paese era costituito dalle case torri. Ai lati del vecchio scalo si trovano le antiche fortificazioni erette a protezione del borgo dagli attacchi dei pirati: il bastione di San Giacomo e il bastione di Traacà. Risalendo si incontrano la chiesa di Sant'Antonio Abate, la più piccola e antica del paese e il castello del XIII secolo, il quale, una volta persa la sua funzione di difesa, venne usato a lungo come camposanto. Accanto sorge l'oratorio di San Rocco, edificato ,secondo la tradizione, nel 1576 come ringraziamento per la fine della terribile pestilenza, che aveva ucciso quasi metà della popolazione del borgo. Da visitare anche la Chiesa di San Giovanni Battista, esempio di architettura romanica, i cui fregi protoromanici hanno origine misteriosa essendo più antichi dell'edificio stesso. Infine ricercheremo insieme le vie e gli scorci dipinti dal pittore fiorentino Telemaco Signorini, della corrente pittorica dei Macchiaioli, che scelse Riomaggiore per trascorrere le sue estati. Il secondo percorso si intitola "Il paesaggio terrazzato delle Cinque Terre: una storia secolare", per comprendere la delicatezza dell' equilibrio uomo-natura, che alle 5 Terre trova una delle sue più alte espressioni e passeggiare sui sentieri a picco sul mare, dove con un solo sguardo si può cogliere l’unicità di questo paesaggio costruito dall’uomo nei secoli, talmente particolare da essere stato inserito nella lista dei Patrimoni Unesco. Il paesaggio terrazzato delle Cinque Terre ha una storia secolare, qui le comunità locali hanno profondamente modificato gli assetti naturali dei suoli, trasformati dal sistema dei terrazzamenti che nel periodo di massima estensione si sviluppava per più di mille ettari. L’abbandono delle pratiche agricole, avvenuto soprattutto negli ultimi cinquanta anni a causa del progressivo spopolamento dei Comuni dell’area e delle mutate condizioni economiche, ha fatto sì che la natura tendesse a recuperare i propri equilibri, ricolonizzando le fasce occupate dalle coltivazioni ed aumentando il rischio di dissesto idrogeologico. Al fine di mitigare questo rischio, la comunità di Manarola ha sentito l’esigenza di costituire una “fondazione” il cui scopo è il recupero dei terrazzamenti della vallata denominata “Anfiteatro dei Giganti“, salvaguardando in tal modo anche un luogo di straordinaria bellezza. Grazie alla collaborazione con la Fondazione Manarola, si potrà conoscere il lavoro di chi si adopera ogni giorno per salvaguardare i terreni terrazzati e recuperare i muretti a secco dell’ "Anfiteatro dei Giganti", la stessa Valle che ospita ogni Natale la magia del Presepe Luminoso di Manarola. Per chi volesse, ci sarà anche l'opportunità di percorrere, sapientemente accompagnati, i sentieri tra le vigne a picco sul mare. Terza e ultima parte riguarda "Torre Guardiola, tra paesaggio, natura e storia. Un punto di particolare pregio naturalistico e paesaggistico ha ospitato, fino al 2010, il Centro di Educazione Ambientale del Parco Nazionale delle Cinque Terre, moderna struttura di accoglienza e valorizzazione del territorio dove era presente anche un percorso botanico e un'area per il birdwatching. Il sito prende il nome da un vecchio fortilizio chiamato Torre Guardiola, adibito alla sorveglianza delle coste per prevenire eventuali attacchi da parte dei saraceni. Nello stesso luogo, sulla punta di Montenero, sorge oggi “La Batteria Antinave Carlo Alberto Racchia” parte delle fortificazioni “moderne” allestite nel periodo successivo alla prima guerra mondiale per la difesa della Piazzaforte Marittima della Spezia. Costruita, secondo le date riportate nei
disegni, dal 1933 al 1936, fu operativa per tutta la durata del conflitto, gestita prima dalla Regia Marina, poi dalla Milmart, per finire dopo l’8 settembre 1943, sotto la gestione di truppe della RSI e tedesche.

Trasferimenti. Il percorso dei tre punti verrà fatto in pullmino. Dalle ore 10.30 alle 17,30 con orario continuato: Manarola: Il paesaggio terrazzato delle Cinque Terre, una storia secolare; Torre Guardiola: Tra paesaggio, natura e storia; Riomaggiore: Tra arte e storia. Partenze: 10.30 e 11.30 – su prenotazione 3425779553

Manarola: i terrazzamenti della Fondazione Manarola
Escursione accompagnati da guide CAI
Percorso EE, durata 1h
Min 10 – max30 partecipanti a gruppo
Inizio: 11.30 e 14.00 e 16.00 – su prenotazione 3425779553
Schiacchetrà Terra di Bargon: visita guidata in cantina
Durata 40min circa
Min 6 – max15 partecipanti a gruppo
Contributo a partire da €3, a sostegno dell’attività della Fondazione

Altri progetti. In questa manifestazione trova spazio l’attività di un progetto didattico di forte valore culturale, rivolto ai ragazzi in età scolare per promuovere in loro il senso del bello e la conoscenza di uno dei territori più interessanti della nostra Provincia. Sarà affidato a loro il compito di studiare le notizie storiche e riferirle ai partecipanti, e fare la presenza ai banchetti delle tappe per la distribuzione del materiale. Un modo simpatico per stare insieme, apprendere e divertirsi e capire più da vicino cosa fa il FAI.

Credits. Per gli iscritti FAI e per chi si iscriverà per la prima volta durante l’evento – a questi ultimi sarà dedicata eccezionalmente la quota agevolata di 29 euro anziché 39 - saranno riservate aperture straordinarie, accessi prioritari, attività ed eventi speciali in molte città. La quota agevolata varrà anche per chi si iscriverà per la prima volta tramite il sito www.fondoambiente.it durante tutto il mese di ottobre. La giornata d’Autunno della Delegazione della Spezia ha il patrocinio del Comune di Riomaggiore * e del Parco Nazionale delle 5 Terre Grazie alla collaborazione della Fondazione Manarola, dell’Associazione Dalla parte dei Forti, del CAI dell’Azienda agricola Terra di Bargon, Un ringraziamento particolare va alle scuole: Media Fontana, Liceo Scientifico Pacinotti, Liceo Artistico Cardarelli, Istituto Capellini,Liceo Parentucelli, Istituto Arzelà, ai Presidi, agli Insegnanti e soprattutto agli studenti e a tutti i Volontari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News