Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Settembre - ore 20.18

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia
54,89%
40,53%
2,30%
0,98%
0,39%
0,26%
0,22%
0,21%
0,13%
0,08%
Ultimo aggiornamento: 21/09/2020 19:55:00 Sezioni 609 di 1795

Alla scoperta della Val di Vara, approfondimento su Casale

Alla scoperta della Val di Vara, approfondimento su Casale

Cinque Terre - Val di Vara - Torna l'appuntamento settimanale alla scoperta della Val di Vara su www.valdivara.it e la pagina Facebook Val di Bara questa volta dedicato al borgo di Casale in Comune di Pignone, l'antica Rotomola. Il racconto si snoda dal 25 ottobre 2011, giorno della grave alluvione che colpì parte della Val di Vara e delle Cinque Terre, alle settimane che ne seguirono. A Casale non ci furono per fortuna vittime ma il danno al patrimonio storico - architettonico fu rilevante e ben superiore a quanto riportato dalle cronache dell'epoca. Il rischio fu la perdita della memoria
collettiva e la morte di una piccola comunità con ponti settecenteschi spazzati via e l'Oratorio della Madonna della Neve che ospitava un piccolo museo, "Il Luogo delle Memorie" sventrato dall'onda di piena con la perdita irreparabile di alcune opere d'arte e della raccolta di
minerali di manganese di Cerchiara.
Il destino ha voluto che fossero preservate le due statue in legno di S.Barbara e della Madonna della Neve, ritrovate a distanza di giorni e nel caso della seconda arrivata con l'onda di piena fino a Padivarma, a molti chilometri di distanza, per trovare un insolito riparo nel
capannone che ospitava il materiale musicale della compagnia spezzina degli Scarti. L'alluvione risparmiò la chiesa parrocchiale di S.Martino con i numerosi quadri di scuola genovese trattenuti all'interno dell'edificio dalla melma e dai detriti arrivati all'interno attraverso la porta di ingresso. Oggi i restauri effettuati sia da parte della Soprintendenza ligure che grazie a numerose donazioni pubbliche e private hanno consentito alla chiesa di ritornare ad essere come prima impreziosita da una novità frutto indiretto della alluvione. Il grande quadro posto dietro l'altare maggiore, grazie a un telecomando, spostandosi su un
apposito telaio mobile consente di ammirare un dipinto del Quattrocento con la figura di S.Martino al centro. Il racconto si chiude con il ricordo di Rotomola, antico toponimo di
Casale, e del breve periodo durante il quale Casale fu capoluogo di Comune con Pignone e Cassana, grazie a Napoleone Bonaparte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News