Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 15 Agosto - ore 20.47

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

A Monterosso la notte del tango con Ferrari e Taranto

letture dell'attore spezzino
A Monterosso la notte del tango con Ferrari e Taranto

Cinque Terre - Val di Vara - Giovedì 19 luglio alle 21,30 al Molo dei Pescatori, nell’ambito della rassegna “Monterosso: un mare di libri” si terrà “La Notte del Tango”. Nell’occasione verrà presentato il libro di Marco Ferrari ”Un tango per il duce” edito da Voland. Letture dell’attore spezzino Matteo Taranto ed esibizione del gruppo Barimar : con un omaggio al maestro Barimar e a Astor Piazzolla. Il gruppo è composto da Marina Mammarella, Iuri Vallara e Agide Bandini. L’ingresso è libero a tutti.

La serata verte sui significati del tango, musica di rimpianti e partenze, in una terra segnata dall’emigrazione italiana. La serata prende spunto dal libro di Marco Ferrari: un ipotetico villaggio chiamato Romagna Argentina fa da scenario al romanzo. Abituato a saggi storici (da ultimi “Caporetto” e “Ho sparato a Garibaldi” scritto con il compianto Arrigo Petacco) qui lo scrittore spezzino affronta una storia surreale e paradossale. Se il cadavere appeso in piazzale Loreto non fosse quello di Mussolini? Se a essere catturato dai partigiani fosse stato il suo sosia mentre il vero duce prendeva il largo alla volta del Sud America come tanti gerarchi nazisti e fascisti? È da questa ipotesi che parte “Un tango per il duce”, che da quel famoso aprile 1945 fa iniziare la seconda vita di Benito Mussolini. Arrivato nel nuovo continente, l’ex dittatore si stabilisce in un paesino sperduto dell’entroterra argentino abitato da immigrati romagnoli. Raggiunti a stento dall’eco lontanissima della guerra, i residenti di Romagna Argentina lo accolgono con curiosità ma senza riverenze; tuttavia la forte personalità e la retorica tronfia del duce convincono presto un piccolo esercito di scapestrati a seguirlo in quella che dovrebbe essere la riconquista di Roma... ma il tutto si fermerà in una sperduta cittadina chiamata Generale Jacopetti dove il duce per sopravvivere sarà costretto a vendere piadine.

Con spunti dialettali e ironici, il mondo romagnolo rovesciato mette a nudo i sogni di grandezza del duce costretto a muoversi tra galline e armadilli in un ambiente senza energia elettrica né linee telefoniche che stroncano sul nascere i suoi propositi di rivincita. Il tutto si configura dunque come una grottesca rappresentazione di una improponibile svolta storica in cui il tango diventa una metafora dell’inconcludente desiderio di ritorno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News