Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Settembre - ore 18.45

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Non avevamo strade che non fossero sul mare"

Le Cinque Terre di inizio Novecento raccontate da Ettore Cozzani. Per chi ci abita e per chi le visita.

`Non avevamo strade che non fossero sul mare`

Cinque Terre - Val di Vara - Oggi vale veramente la pena raccontare che cosa erano le Cinque Terre agli inizi del Novecento. Serve a noi che qui siamo nati e vi abitiamo ancora, serve ai nostri ospiti, serve a chi ci ha iniziato un’attivitá , a chi ci viene a lavorare o ad abitare, serve ai nostri giovani per capire che importanza ha, per questo territorio, la parola “rispetto”.
Il “rispetto” per la fatica dei nostri vecchi, uomini e donne, che con le schiene curve dai pesi, hanno scavato la roccia per costruirvi le case e per strappare alla montagna ed alla vertigine del dirupo, appesi alle corde come i minatori di Carrara, le piane orlate di muretti a secco per impiantarvi la vigna.

“I cinque paesi tranne Corniglia, la bella, che si è distesa tutta aerea e soleggiata sull’altura, si sono annidati ciascuno alla foce del suo torrente, incrostandone di case le sponde: le case vi sono germogliate l’una dall’altra, l’una sull’altra, l’una dentro l’altra. A Riomaggiore formano un labirinto in cui non si capisce bene dove finisca il di fuori, e cominci il di dentro, e dove siano le soglie e dove i tetti, e dove i muri maestri e le fondamenta. A Vernazza si sono allineate sopra le due rive, come i soldati in piazza d’armi quando si gettano, con uno scatto del capo, il loro ’no-due,’no-due; ma ogni riga s’appoggia con archi, come con braccia tese, alle schiene della riga che ha davanti, per non crollarle in testa. A Monterosso sbucano improvvise dalla valle incassata tra i monti, e si allargano a ventaglio sopra la spiaggia. A Manarola, germinata come i licheni sulla più dura e percossa roccia, han preso a salire con amor del sole sopra il dosso, e vi hanno spiegata la loro chiara processione in mezzo a cui il campanile pare il grande Cristo in mezzo al corteo dei fedeli.

Fino a cinquant’anni fa, questa gente non aveva strade che in mare; aspettando, per prendere il balzo dagli agguati dei porticcioli, la bonaccia fra libecciata e libecciata, andava in cerca di fortuna con le tartane cariche di vini o di pietre; e chi non aveva un porto si è scavato nella rupe un curioso ancoraggio, un largo piano inclinato per cui le barche sono alzate a forza d’ àrgano, e rimangono poi lì, pèndule ai cavi, sempre in attesa d’esser varate di nuovo.
Ma adesso la strada ferrata ha aperto uno sbocco tra l’una e l’altra terra: il treno fora alla base i promontòri, romba a lungo dentro abissi neri, in cui di tanto in tanto si spalancano e richiudono come palpebre ?nestre di mare azzurro che schiuma contro rupi dorate; sfocia poi d’improvviso sulla aperta marina, per rintanarsi con un ?schio adirato nel ventre della montagna, e riesce e rientra, fra la raggiante libertà dell’aria e il fosco affanno dei cunicoli; e non si ferma che per un istante alle piccole stazioni aggrappate, come i gatti con le unghie, alla scogliera.
Non vede i cinque paeselli i quali non mostrano che qualche lembo fugace: nè sa dove sieno i bei Perdoni alti sulle cime: Montenero, Oleastra, S. Bernardino, Reggio, Soviore. Nè conosce, o non ha tempo di scorgere, sulla precipite marina, le tracce della vita eroica d'un popolo il quale, non avendo che un po’ di acqua amara, e un po’ di roccia nuda ha saputo di generazione in generazione rompere col piccone la costa ; e lavorando sulla faccia del dirupo , appeso alle sue gomène sopra l’abisso in fondo a cui soffiano le onde - come i minatori di Carrara contro la parete e sopra le frane e i laghi di candore - ha scavato nel masso i piccoli ripiani, li ha orlati di muretti a secco e vi ha piantato la vigna”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure