Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Novembre - ore 17.36

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Genova-Buenos Aires, sola andata", italiani popolo di migranti. Famiglia del Papa compresa

`Genova-Buenos Aires, sola andata`, italiani popolo di migranti. Famiglia del Papa compresa

Cinque Terre - Val di Vara - Approda anche a Monterosso la mostra «Genova-Buenos Aires, sola andata». L’inaugurazione è prevista domenica 18 giugno alle 18.00, presso la Sala Polivalente al piano terra del Palazzo Comunale. L’esposizione fotografica sarà presentata, oltre che dal primo cittadino Emanuele Moggia anche dallo scrittore e giornalista di La Repubblica Massimo Minella che è anche curatore della mostra.

«Genova-Buenos Aires, sola andata» è una storia di mare, di quelle che ripercorrono sul filo della memoria le tappe più significative nella storia di un Paese. E se il Paese in questione è l’Italia allora il mare non può non esserne il protagonista. Da Asti la famiglia Bergoglio raggiunse il porto di Genova, nel febbraio del 1929 e partì alla volta dell’Argentina in cerca di una nuova occasione di vita e di lavoro. Il viaggio dei Bergoglio (Mario, padre di Papa Francesco e i nonni paterni Giovanni e Rosa) è il filo conduttore di questa mostra e del libro-catalogo a essa collegato, con prefazione di Massimo Giletti, ricco di contributi forniti dai più importanti centri di documentazione italiani e argentini.

La riflessione di fondo di questo lavoro che sarà aperta al pubblico dal 18 al 2 luglio presso il Comune, è un invito a non dimenticare di quando anche gli italiani sono stati «migranti» in cerca di fortuna in terre lontane, desiderosi di riscatto, alla ricerca di una nuova occasione, in fuga dalla disperazione. Ognuno, dalla seconda metà dell’Ottocento fino alla prima metà del secolo successivo, aveva un motivo sufficiente per indurlo a lasciare l’Italia. Molti sono tornati, moltissimi hanno sfruttato quel viaggio verso «la Merica» soltanto nella tratta di andata.
Come appunto la famiglia Bergoglio che da Asti si trasferì in Argentina e non fece più ritorno. La mostra si sviluppa per “isole” tematiche attorno a questa lunga e spesso sofferta storia di emigrazione. Dai primi tentativi di inizio Ottocento fino ai viaggi di massa degli emigranti durante il Regime. Ogni “isola” una storia da raccontare e da approfondire, conosciuta o cancellata dalla memoria collettiva, come il tragico affondamento del piroscafo Principessa Mafalda, colato a picco al largo delle coste brasiliane nell’ottobre del ‘27. Fu una delle più grandi tragedie della marineria italiana, che provocò la morte di oltre trecento persone, ma non tutti sanno che su quella nave avrebbero dovuto esserci anche i Bergoglio, che già avevano acquistato il biglietto per l’Argentina, e che rinunciarono solo per i ritardi nella vendita dei terreni di famiglia. La partenza venne rinviata al febbraio del ‘29 e questa volta non ci furono ritardi.

I Bergoglio arrivarono a Buenos Aires dopo aver navigato per due settimane sul piroscafo Giulio Cesare e da qui raggiunsero i loro familiari a Paranà, tappa iniziale di un viaggio che qualche anno più tardi li avrebbe portati nella capitale. Il viaggio viene raccontato in ogni dettaglio, dall’arrivo alla Stazione Marittima alla sala d’imbarco fino alla navigazione. Ma la storia della famiglia Bergoglio diventa anche il paradigma di un Paese che cerca altrove il suo riscatto e che trova, spesso ma non sempre, risposte dall’Argentina. Un viaggio nella storia che ancora ci sorprende e ci spinge a indagare sul nostro passato, trovando chiavi di lettura utili a leggere anche il nostro futuro.

Il Sindaco Emanuele Moggia e l’Amministrazione Comunale sono felici di poter ospitare la mostra presso la sede comunale perché si riconoscono nei valori che essa trasmette e credono che la memoria di chi siamo stati sia fondamentale come testimonianza alle nuove generazioni per la costruzione del loro futuro.
Nel ringraziare Massimo Minella per aver realizzato l’esposizione e averla proposta alla nostra comunità vi aspettano numerosi all’inaugurazione, domenica 18 giugno alle ore 18.00.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure