Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 27 Gennaio - ore 22.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Non abbandoniamo i medici, stanno dando tutto contro il mostro Covid"

La testimonianza da Monterosso di Michela operatrice della Pubblica assistenza locale: "Come militi e come famiglia stiamo vivendo un momento drammatico, i medici e la comunità ci aiutano ad andare avanti".

le battaglie dentro e fuori le corsie

Cinque Terre - Val di Vara - "Viviamo giorni di grande dolore e angoscia, perché uno di noi, mio padre, sta lottando contro il Covid e la situazione è improvvisamente peggiorata". Sono le parole di Michela De Simoni, della Pubblica assistenza di Monterosso e assessore ai Servizi educativi che in questi giorni ha lavorato senza sosta per gli spostamenti dei pazienti dall'istituto Padre Semeria. La sua è una testimonianza diretta di quello che è accaduto a lei e a tante altre persone che in questi tempi hanno deciso di non mollare, anche quando le preoccupazioni e la malattia entrano in casa.
"Non è affatto facile - racconta - perché a volte basta una distrazione, piccolissima, e questa malattia con tutta la sua cattiveria e potenza entra nella vita di tutti i giorni. Portando notti insonni e neanche un secondo per sfogarsi in solitudine e in un momento di disperazione".
Questa è l'altra faccia, crudele e terribile, del Covid che in un attimo tiene in ostaggio ciò che si ha più caro. E chi capisce quello che sta accadendo esprime come può il suo aiuto.
"Per me, la mia famiglia e per la Pubblica assistenza di Monterosso - prosegue Michela - è un momento drammatico. Difficile. E cerchiamo di affrontarlo con tutte le nostre forze e in questo fiume di sensazioni difficili da gestire ci sono tantissime persone che cercano di aiutarci. In tutto questo non posso non citare l'attenzione e la cura, certosina, che all'interno della Rianimazione di Sarzana i medici stanno avendo nei confronti di mio padre, della mia famiglia e di tutti gli altri pazienti. Sono organizzati con le videochiamate per mantenere i contatti tra le persone più care e con il mondo esterno che questa malattia cerca di distruggere. Stanno facendo un gran lavoro e non si può non riconoscerglielo. Non abbandoniamoli. Ringrazio tutto lo staff del San Bartolomeo e i volontari che da sempre si danno da fare per la nostra Pubblica".

Tutto sembra perdersi davanti a un mostro chiamato Covid che se può distrugge. E dalle corsie dell'ospedale si passa a un'altra rete quella della comunità alla quale si appartiene. "Tutta Monterosso, il sindaco - conclude Michela - non ci hanno lasciati soli. Sono vicini a noi e alla Pubblica assistenza. Dopo l'appello diffuso nei giorni scorsi questa grande vicinanza è aumentata, abbiamo ricevuto nuovi aiuti e non possiamo non ringraziare anche il 118 e il Soccorso alpino. Quello che serviva e io ringrazio davvero tutti. Noi resistiamo, non ci tiriamo indietro anche quando la notte si fa più buia".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News