Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Agosto - ore 21.35

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Slow Food al Festival del Biologico con i laboratori, il gallo nero e una sorpresa

Intervista ad Andrea Motto, responsabile delle Comunità del Cibo della Condotta Golfo dei Poeti, Cinque Terre, Val di Vara e Riviera Spezzina.

Slow Food al Festival del Biologico con i laboratori, il gallo nero e una sorpresa

Cinque Terre - Val di Vara - Nel week end si svolgerà la terza edizione del Festival del Biologico di Varese Ligure. Alla kermesse prenderà parte anche le Comunità del Cibo Slow Food della Val di Vara, che ha organizzato due giorni di laboratori rivolti a tutti.
Andrea Motto, responsabile delle Comunità del Cibo della Condotta Golfo dei Poeti, Cinque Terre, Val di Vara e Riviera Spezzina, ha risposto ad alcune domande sulla presenza dell'associazione al Festival.

Siamo alla seconda partecipazione di Slow Food, come avete valutato l’esperienza dello scorso anno?
"Assolutamente positiva. In primis perché siamo riusciti a riportare i contadini in piazza e poi perché i laboratori che abbiamo presentato hanno avuto un ottimo consenso di pubblico, attento ed interessato a conoscere il nostro patrimonio agricolo e umano".

Quali obiettivi per questa edizione 2017?
"Abbiamo anzitutto incrementato il numero di aziende presenti aumentando anche la presenza di agricoltori e allevatori di altre Condotte e Vallate Appenniniche. In particolare dalla Val d’Aveto verranno gli amici del Consorzio per la tutela della Patata Quarantina e della Mucca Cabannina, dalla Lunigiana chi produce il Testarolo, dalla Val di Ceno (PR) un’azienda della Rete Parmense. Inoltre, verrà presentato il progetto sul recupero in Val di Vara, degli antichi cereali per la panificazione in collaborazione con Rete Semi Rurali, A.I.A.B. Piemonte e l’Università delle Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Ma non ci dimentichiamo dei soci della Condotta della Val di Vara con i nostri prodotti primo fra tutti il gigante nero, un gallo che stiamo recuperando da una estinzione che sembrava sicura sino a pochi anni fa.

Proprio nello spirito di Slow Food?
"Sì, indubbiamente. Slow Food intende recuperare, valorizzare e promuovere la biodiversità con la coscienza che questa è il cardine e la maggiore ricchezza del patrimonio agricolo del territorio italiano. Recuperare e tutelare il gallo nero gigante significa anche promuovere gli allevatori ed il territorio e valorizzare il mondo agricolo comporta anche la tutela del territorio e dell’ambiente circostante".

Come possiamo riassumere lo spirito di Slow Food?
"In tre parole: buono, pulito e giusto. Questo è il motto che è alla base del nostro movimento ed è nostro compito educare secondo questo spirito. Per questo motivo quest’anno intendiamo anche proporre dei giochi per bambini proprio perché si acquisisca fin da piccoli la giusta consapevolezza ambientale e proprio attraverso lo strumento naturale che è il gioco. Inoltre, insieme al Consorzio l’Altra Liguria, stiamo coinvolgendo i ristoranti e gli agriturismi del territorio, perché nei giorni del Festival preparino menù con prodotti bio e di qualità dei produttori delle Comunità del Cibo della Val di Vara".

Per concludere, Andrea, una sorpresa per questo Festival 2017?
"Essendo una sorpresa, non si dovrebbe dire... ma ci stiamo attrezzando per proporre un laboratorio per una degustazione verticale dello Sciacchetrà prodotto in quantità limitatissime da quattro produttori delle Cinque Terre accompagnato da una selezione di formaggi artigianali dell’entroterra ligure di Levante; un giusto connubio tra costa e montagna per questa terra ligure tanto avara di risorse ma che l’operosità del contadino e del casaro riesce a trasformare in piccoli tesori da assaporare e da ricordare".


Il programma dei laboratori organizzati da Slow Food

Sabato 10 giugno
Piazza Fieschi - Borgorotondo ribattezzata Piazza Slow Food

dalle 11 alle 12 - Presentazione del progetto "Recupero di antiche specie e varietà di frumento locale per lo sviluppo di Filiere Agricole di pane in Val di Vara" - a cura delle Comunità del Cibo Condotta Slow Food, Rete Semi Rurali, AIAB Piemonte e Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo

dalle 14.30 alle 16 - Laboratorio creativo per bambini (4+) "Il Fiore e la Pietra" - conoscere i ritmi, le credenze e le tradizioni della cultura contadina attraverso i simboli incisi sulla pietra, per realizzare un fiore magico-simbolico con la tecnica del mosaico ligure di sassi - a cura della Cooperativa Zoe

dalle 16 alle 17 - Laboratorio/corso sulle tecniche di innesto per piante da frutta, per il recupero e mantenimento delle vecchie varietà della Va di Vara - a cura di Az. agricola Silvia Bonfiglio e Maurizio Canessa

dalle 18 alle 18.45 - Laboratorio/dimostrazione "Il testarolo di Pontremoli" - a cura di Az. Agricola Cà del Chierico di Giulio Poli

dalle 18.45 alle 20 - Musica in Piazza - Apericena in musica con i prodotti delle Comunità del Cibo e dei produttori di birra


Domenica 11 giugno
Piazza Fieschi - Borgorotondo ribattezzata Piazza Slow Food

Tutta la giornata - Presentazione "Progetto Rubra Spes" - a cura del Consorzio della Quarantina. Per i bambini il Gioco della Patata Quarantina

dalle 10.30 alle 11.30 – “Labor…itivo” della Val di Vara – Formaggi, salumi, miele, pane e sciroppi – a cura della Comunità del Cibo del Grano di Suvero e dei produttori del territorio di Rocchetta di Vara

dalle 11.30 alle 12.30 - Laboratorio/corso sulle tecniche di innesto per piante da frutta, per il recupero e mantenimento delle vecchie varietà della Va di Vara - a cura di Az. agricola Silvia Bonfiglio e Maurizio Canessa

dalle 14.30 alle 15.30 - Laboratorio/degustazione "Il Presidio dello Sciacchetrà incontra i formaggi della Val di Vara e della mucca Cabannina"

dalle 16,00 alle 16.45 - Laboratorio/degustazione: "Dalla Rete dei produttori nasce la birra della Val di Vara a km zero" - a cura delle Comunità del Cibo e del birrificio Taverna del Vara

dalle 17 alle 17.45 - Laboratorio/degustazione "Le Erbe in Val di Vara" a cura di Az. Agricola Le piccole Erbe

dalle 18.30 alle 19 - Girotondo finale con i Produttori e i Gusti della Val di Vara - Difendiamo la Biodiversità e la Cultura del Buon Cibo – a cura delle Comunità del Cibo Condotta Slow Food

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure