Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Aprile - ore 23.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Sicurezza e servizi, la nuova stagione di Riomaggiore e Manarola

Giro di domande con il sindaco Fabrizia Pecunia che oltre a raccontare le ultime novità sul Comune che amministra interviene su un arco "della discordia" alla marina di Riomaggiore.

parola d'ordine: vivibilità
Sicurezza e servizi, la nuova stagione di Riomaggiore e Manarola

Cinque Terre - Val di Vara - Riomaggiore e Manarola. Scorci unici, popolarissimi sui social, località belle d'estate e di inverno. Se questo è l'impatto che il visitatore ha come colpo d'occhio, il mantenimento di queste peculiarità e la garanzia di una tranquilla esistenza per i residenti sono i primi punti nell'agenda del primo cittadino Fabrizia Pecunia.

Il primo tema affrontato sui taccuini di CDS è quello della sicurezza. Quali sono le criticità che ha riscontrato nel suo Comune nella precedente stagione e quali provvedimenti sono stati presi oppure sono in cantiere e a breve entreranno in vigore?

Le problematiche più rilevanti interessano la vivibilità dei borghi. Abbiamo riscontrato criticità legate all’accesso in paese dei mezzi dei fornitori, sempre più numerosi, sulle marine, a causa della inadeguatezza dei moli rispetto al numero di persone che transitano, e alla gestione dei bus in arrivo a Manarola.

Per quanto riguarda la viabilità con il nuovo regolamento entrato in vigore a marzo, abbiamo limitato l’accesso ai fornitori dalle 6 alle 10 del mattino, esclusivamente previa pianificazione obbligatoria concordata con gli agenti di Polizia municipale. I mezzi non pianificati non entreranno, salvo ci sia possibilità di spazio, da verificare sul posto.
Per facilitare le consegne sarà comunque disponibile un servizio privato di trasporto bagagli e merci.
Ci sarà sempre un agente presente e a breve saranno installate telecamere di video sorveglianza per il controllo targhe su ogni accesso Ztl e Area pedonale urbana, al fine di supportare gli agenti nei controlli. Tutti i varchi saranno monitorati ventiquattro ore dalla Lince, che potrà essere contattata per l’apertura delle sbarre in caso di necessità ad esempio i mezzi di soccorso.
In questo modo offriamo un servizio anche ai residenti, i quali saranno più facilitati nell’accesso in paese durante il periodo invernale perché non avranno più il problema di dove reperire il telecomando. Nelle prossime settimane saranno installati nelle zone di accesso ai paesi cartelli, anche in lingua inglese, di avvertimento sullo stato delle allerte meteo.

Sui moli sono stati eseguiti interventi di riqualificazione, sia a Riomaggiore che a Manarola per mettere in sicurezza il transito delle persone che accedono ai battelli. Su Riomaggiore sono stati fatti interventi anche sulla strada che porta alla spiaggia e a breve inizieranno le opere sulle dighe di entrambi i borghi. Questi interventi sono stati finanziati dal Provveditorato alle opere pubbliche di Genova. E vorrei ringraziare l’ingegnere Pentimalli e i suoi o collaboratori per il supporto offerto. Il prossimo anno sarà realizzato un nuovo progetto relativo banchina di Riomaggiore che collega l’attracco dei battelli alla marina.”

I servizi, la logistica. In Cinque Terre express è tornato in funzione da pochi giorni. L'afflusso dei turisti arriva non solo dalla tratta ferroviaria ma anche su gomma e via mare. Quali sono le novità per questa stagione turistica nel settore trasporti? Quali sono ancora i nodi da sciogliere? 

“Il servizio Cinque Terre Express è fondamentale perché evita gli ingorghi e consente uno spostamento veloce da un paese all’altro. Gli strumenti che abbiamo a disposizione sono limitati, ma abbiamo già attivato provvedimenti importanti”.

Per quanto riguarda la gestione dei bus a Manarola, da quest’anno abbiamo inserito, oltre alla prenotazione online partita già nel 2017, anche un numero massimo di arrivi ogni ora (due bus all'ora fino alle 10 e 4 bus ogni ora dalle dieci in poi). Questo consentirà una migliore gestione della viabilità e, soprattutto, rischi di ingorghi sulla strada di accesso al paese. Contestualmente, partirà nelle prossime settimane un servizio navetta dalla Zorza a Riomaggiore che potrà essere utilizzato su prenotazione dai bus che non potranno accedere a Manarola. La scelta mira a diversificare l’offerta turistica e a distribuire il flusso in modo omogeneo tra i due borghi.

Stiamo cercando anche di governare il tema degli attracchi. Durante l’inverno Sono stati fatti numerosi incontri con gli operatori, in collaborazione con il Parco e grazie al prezioso supporto offerto dalla Capitaneria. Per Riomaggiore e Manarola è in corso di approvazione un orario che possa garantire un corretto deflusso delle persone dal molo, nel rispetto delle esigenze di mobilità dei passeggeri. Abbiamo ricevuto richieste di attracco da diversi operatori, al momento al vaglio degli uffici. Spero si possa arrivare per la prossima stagione alla formalizzazione del Tpl marittimo. Un obiettivo che intendiamo raggiungere per regolamentare in modo definitivo la gestione dei passeggeri via mare.

Saranno presentati nel prossimo consiglio comunale anche i regolamenti relativi alle marine e agli specchi acquei. Le problematiche sono talmente complesse e gli interessi economici sempre più importanti, che impongono un’attenta regolamentazione di tutti i processi, al fine di evitare abusi o speculazioni. Il mondo ci sta guardando.

Il territorio delle Cinque Terre è famoso in tutto il mondo e negli anni è stato letteralmente "preso d'assalto". Accantonata l'idea del numero chiuso e l'attivazione di altri provvedimenti, cosa manca ancora? 

Mancano ancora una pianificazione dei flussi e un livello qualitativo dell’offerta turistica e dei servizi che rappresenti davvero il nostro territorio . Non dobbiamo aver paura di aprirci all’esterno, semplicemente dobbiamo essere i migliori in termini di qualità e offerta. Il Parco in questo processo deve avere un ruolo chiave. E’ in corso uno studio per il monitoraggio dei flussi nei centri abitati, in un’ottica di salvaguardia delle comunità locali.
Stiamo lavorando in questa direzione, partendo dalla conoscenza dei dati e degli interlocutori. Perchè è un passo che può essere fatto solo in sinergia con chi qui vive e lavora”.

La Carta Eupea del turismo sostenibile rappresenta un’opportunità per le nostre strutture, ma non solo, ho visto crescere negli ultimi anni iniziative bellissime come Sciacchetrail e incrementare il numero delle aziende agricole. Senza dimenticarci dell’eccellenza rappresentata dalla Fondazione Manarola per il recupero del territorio.
Le Cinque terre sono da guardare e vivere in modo profondo, mettendo al centro l’identità locale e non solo il bel paesaggio.

Il tema della presenza di guide turistiche non autorizzate o non preparate già in passato ha creato non poche preoccupazioni a quelle certificate. Ci sono novità in questo campo?

Stiamo cercando di sviluppare un rapporto sempre più stretto con le guide, al fine di accrescere una sinergia indispensabile. Saranno effettuati controlli sempre più capillari e nell’ultimo anno sono state individuate e sanzionate anche diverse guide abusive. Anche questo rientra nel tema della qualità dei servizi sul quale dobbiamo puntare.


La modifica di un arco alla marina di Riomaggiore ha creato non pochi mal di pancia in paese. Cosa è successo?

I lavori che hanno suscitato tante polemiche sono relativi ad una manutenzione ordinaria di una facciata e di un volto. Non sono state rilasciate autorizzazioni da parte del Comune, in quanto non necessarie, trattandosi di un ripristino dello stato preesistente. L’intonaco, infatti, era già presente e in stato di evidente distacco, come si evince facilmente dalle foto originarie.
Preciso che questa tipologia di muratura è realizzata con materiali molto irregolari, con presenza di grande quantità di malta tra una pietra e l’altra, quindi l’intonaco è parte integrante della muratura da sempre e, in ambiente così aggressivo come quello delle marine, ha una funzione protettiva indispensabile della stessa.
Lascio quindi i giudizi “estetici” a chi si sente in dovere di esprimerli e rispondo, per quanto di mia competenza, nel merito di quello che è stato fatto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Stagione virtualmente finita in casa Spezia, tempo di bilanci. Chi merita la conferma nel settore tecnico secondo i lettori?

































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News