Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 28 Febbraio - ore 13.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ripa, scatta la protesta

Manifestazione sull'Aurelia organizzata dal comitato fondato da Adriana Incaviglia. "Ce l'abbiamo con la Provincia, deve tirare fuori i documenti che hanno determinato la chiusura".

Cinque Terre - Val di Vara - L'incertezza sulla riapertura della Ripa e le mai sopite perplessità sulla necessità della chiusura dell'arteria hanno spinto il comitato "Salviamo la Ripa", dopo mesi di fiduciosa attesa, a organizzare una protesta. Così, dalle 10, per mezz'ora, una ventina di manifestanti, guidati dalla fondatrice del comitato Adriana Incaviglia, ha attraversato sulle strisce (alla maniera degli albianesi anti Costa) l'Aurelia in prossimità dell'immissione nel raccordo in zona Fornola. Qualche passaggio da ciglio e ciglio, sotto gli occhi di carabinieri, funzionari della questura e polizia locale. I traffico ha subito qualche inevitabile rallentamento e i clacson hanno impiegato poco tempo a mettersi a suonare nervosamente. Presente sull'Aurelia anche Corrado Cucciniello dei comitati spezzini. "Ci dispiace creare questa situazione - così la Incaviglia -, ma dobbiamo farci sentire per forza. Vogliamo che la Provincia, contro la quale è rivolta questa mobilitazione, tiri fuori i documenti che hanno spinto a chiudere la strada. Non siamo sicuri fosse necessario chiuderla e adesso siamo in questa situazione devastante per residenti e attività commerciali. La Provincia è stata e continua ad essere totalmente assente". La testimonianza del geometra Benigni, appassionato delle due ruote: "Anche per gli sportivi come me questo è un problema: non riesco mai a ricongiungermi in val di Magra con altri ciclisti che partono da Spezia. E poi ho seri dubbi circa una soluzione a doppio senso: i geoblocchi per il senso unico alternato sono stati interrati profondamente". Certo, la manifestazione non è stata un grande successo di partecipazione. "L'abbiamo organizzata ieri in poche ore - spiega la Incaviglia - ed è la vigilia di Natale, non era semplice. Ma questa sarà la prima di una lunga serie e contiamo di farne un'altra presto, magari entro la fine dell'anno". O entro quel 27 dicembre che - come recitano i cartelli del cantiere - è il termine di lavori ufficiale. Ma sarà già tanto se la riapertura arriverà entro la prima settimana di gennaio, come auspicato da Giampedrone nei giorni scorsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News