Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 28 Febbraio - ore 13.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ripa, apertura a rischio rinvio

Una serie di problemi tecnici rischia di far slittare a dopo le festività il nulla osta al senso unico alternato. La delusione delle attività commerciali: "Puntavamo tanto sul Natale per rifarci".

Cinque Terre - Val di Vara - "Una situazione imbarazzante". Con queste parole l'assessore regionale alle infrastrutture, Giacomo Giampedrone, definisce lo scenario della Ripa, dove da oltre un mese è al lavoro la ditta piemontese Ovas, con l'incarico di garantire le condizioni necessarie per la riapertura a senso unico alternato entro Natale. Inizialmente, come è noto, la scadenza era stata fissata al 15 dicembre. Poi, in seguito a una riunione in Provincia, era stato stilato un cronoprogramma che prorogava l'apertura al 20-22 dicembre. Infine, la deadline era stata spostata al 23. Ora la storia si è complicata. "I tecnici della ditta e quelli della Provincia devono darci elementi certi, io li chiamo e li sollecito costantemente", ha sottolineato Giampedrone alla Locanda dell'Angelo di Fiumaretta, oggi pomeriggio, in occasione dell'incontro tra Toti, i suoi e i cittadini, per gli auguri di Natale. "Purtroppo nei giorni scorsi è emerso qualche problema - ancora l'ex primo cittadino di Ameglia - e quindi, nonostante si sia lavorato alacremente, l'apertura del 23 dicembre potrebbe slittare, anche se spero ancora si possa rispettare quanto concordato sul tavolo del Prefetto nelle scorse settimane, vale a dire aprire mercoledì prossimo. Ad ogni modo, credo che arriveremo alla riapertura entro la fine dell'anno, anche perché il finanziamento della Regione, il più importante per quanto concerne le provinciali liguri, è stato stanziato per un intervento d'urgenza". Un po' di amarezza nelle parole del giovane assessore della giunta Toti, che ha fatto della Ripa una delle sue battaglie principali, una grande promessa ai cittadini. E che alla Locanda dell'Angelo ha ribadito: "La Regione ha fatto il massimo, ha messo a disposizione molti soldi e anche i ribassi d'asta". Certo, un affare spinoso, tecnicamente in mano a Provincia e Ovas, i cui operai sono al lavoro anche questo weekend. In ballo ci sono ancora la sistemazione dei geoblocchi di cemento, la messa in sicurezza dei fronti franosi, l'aggancio di alcune reti paramassi. Tra le ipotesi ventilate - ma pare remota - anche un'apertura lampo per anti vigilia e vigilia, e poi una nuova chiusura per consentire lavori finalizzati a un nuovo nulla osta dopo l'Epifania. Quasi da lacrime la reazione di chi in zona Ripa vive e lavora. "Se non si aprisse - così Adriana Incaviglia, titolare de La Locanda e fondatrice del comitato Salviamo la Ripa - sarebbe un colpo durissimo. In tanti aspettavamo il Natale per tirarci un po' su, io compresa. Sarò aperta con il mio locale, ma perderò decine di prenotazioni di gente che sarebbe venuta solo con la strada percorribile. Ormai sono tante le attività sull'orlo del baratro e c'è un malessere diffuso. Viene voglia di non fidarsi più di nessuno". Preso il comitato si riunirà per pianificare eventuali mosse. "E questa volta non cercheremo il coinvolgimento delle istituzioni", sentenziano. Aria pesante sotto il costone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News