Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 18 Luglio - ore 07.25

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Pellegrinaggio in mezzo alla natura a Legnaro

Pellegrinaggio in mezzo alla natura a Legnaro

Cinque Terre - Val di Vara - Il pellegrinaggio mariano del mese di luglio, in diocesi, ha avuto come meta, a Legnaro, una piccola chiesa tra i boschi che sovrastano Levanto e dividono la sua vallata “marinara” da quella interna del fiume Vara e dei suoi affluenti. Quasi un simbolo, dunque, di due identità diverse nella storia millenaria della diocesi che fu di Luni (ed anche di Brugnato: Legnaro era appunto antica fondazione dei monaci di san Colombano), identità che si uniscono, quasi sempre, proprio nelle radici cristiane e nelle tradizioni che ne derivano. Il culto mariano è fondamentale in questo, ed anche su questo ha ragionato il vescovo, Luigi Ernesto Palletti, nell’omelia pronunciata nel corso della Messa che, come sempre, ha concluso il pellegrinaggio. Una Messa che, nel contesto di un’estate molto calda, si è tenuta all’aperto, in mezzo al verde della natura. Il vescovo l’ha presieduta, concelebrando con gli altri sacerdoti presenti e con l’assistenza di alcuni diaconi. «Oggi noi – ha detto monsignor Palletti all’omelia, prendendo spunto dalle letture del giorno –, proprio alla luce della Vergine Maria, dobbiamo chiedere non solo quella ‘grande benedizione’ che abbiamo ascoltato nella pagina dell’Antico Testamento, ma soprattutto quella rinnovazione di vita che proviene a noi dal Vangelo e che si realizza nella misura in cui accogliamo il Signore Gesù». «Accogliamo Gesù – ha proseguito il vescovo – non semplicemente come un profeta e tanto meno come un semplice saggio, anche se Gesù è un grande saggio: sarebbe cosa molto limitata avere una persona da ascoltare, da seguire, da obbedire ma soltanto come fa il servo nei confronti del suo padrone, con una fedeltà anche assoluta ma totalmente distaccata. Noi oggi siamo invece chiamati a diventare discepoli. Dunque ad entrare in quell’amicizia con il Signore Gesù che fa sì non ci sia semplicemente un annunzio nuovo, ma anche un modo nuovo di accogliere quell’annunzio. E il modo nuovo è proprio quello di entrare in comunione con Lui. La Vergine Maria ci accompagna a fare questo, perché ci riporta quotidianamente alla freschezza del Vangelo, freschezza che noi dobbiamo riscoprire giorno per giorno. Non dobbiamo mai dare per scontata la nostra fede. Certo, le grandi verità di fede rimangono tali, sono cardini fondamentali nella nostra vita. Ma sono cardini vivi, che devono animare la nostra esistenza». Ed ecco la parte finale dell’omelia di monsignor Palletti davanti alla piccola chiesa di Nostra Signora della Neve: «Ritornare al Vangelo vuol dire per prima cosa riprenderlo in mano, quindi rileggerlo, riapprofondirlo, non dare per scontato quello che c’è scritto: essere dei cuori nuovi, capaci di accogliere il Vangelo in modo nuovo. E’ quello che oggi vogliamo fare in questo luogo, ovviamente sempre chiedendo nuove vocazioni sacerdotali per la Chiesa, ma chiedendo anche al Signore quella grande vocazione alla santità che è segnata dentro il cuore di ciascuno di noi e che costituisce ognuno di noi come un membro vivo del popolo di Dio. E chiediamo a Maria di riportarci sempre più alla freschezza del Vangelo». Come sempre, all’incontro mattutino di Legnaro di Levanto erano presenti numerosi rappresentanti delle confraternite della diocesi, con le rispettive insegne. Il prossimo pellegrinaggio mariano, quello del primo sabato di agosto, si svolgerà come ogni anno all’interno della festa di “Avvenire” che si terrà a Lerici dal 26 luglio al 4 agosto. Il pellegrinaggio avrà luogo appunto nella giornata di sabato 3 agosto, con partenza dal parcheggio della località Venere Azzurra ed arrivo alla chiesa parrocchiale di San Francesco, santuario della Madonna di Maralunga, dove il vescovo celebrerà la Messa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News