Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Maggio - ore 14.04

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Pasqua, il Parco delle Cinque Terre si prepara alla "battaglia"

Occhi puntati sui sentieri e un questionario che mette in luce un dato: due turisti su tre non sanno che dovranno affrontare dei sentieri di montagna. Il punto con Patrizio Scarpellini, direttore e Santo Grammatico di Legambiente Liguria.

ci siamo
Pasqua, il Parco delle Cinque Terre si prepara alla "battaglia"

Cinque Terre - Val di Vara - Due turisti su tre non sanno, oppure non hanno le calzature adatte per affrontare i sentieri delle Cinque Terre che hanno le caratteristiche di quelli di montagna. Un dato di fatto sostenuto anche dal questionario sottoposto ad un campione di mille persone tramite Legambiente e sostenuto dal Parco Nazionale delle Cinque Terre. Di questo campione, il 70 per cento comunque sa che andrà a visitare un 'area di enorme prestigio oltre che protetta.
Questa è solo un'istantanea che emerge dall'indagine, cominciata due anni fa ormai, da Legambiente sul territorio e che nei prossimi giorni diffonderà l'intera indagine. Tra le cose che non conoscono i turisti c'è anche una storica ferita: quella dell'alluvione 2011. In molti raccolgono informazioni su internet, ma il dato che da più da pensare è proprio quello relativo a come devono essere affrontati i sentieri: il 42 per cento, infatti, non sa che ci vogliono calzature da montagna.
Un elemento sul quale il Parco Nazionale delle Cinque Terre, in vista del ponte di Pasqua, a suo tempo è corso ai ripari: è in grado di elevare sanzioni a partire da 50 euro per chi vuole affrontare i sentieri in condizioni non idonee, ha implementato il numero del personale, rafforzato gli infopoint per un totale di 8, attivato convenzioni con Soccorso alpino e Gev. Tutti elementi per un'apertura di stagione in sicurezza.
Ad approfondire le varie questioni inerenti alla stagione turistica e sulla percezione dei turisti nei confronti del Parco sono il direttore Patrizio Scarpellini e Santo Grammatico di Legambiente Genova.
“E' chiaro che il flusso turistico dei prossimi giorni ci farà tenere gli occhi aperti - ha dichiarato Scarpelllini – e al primo posto abbiamo messo la pressione antropica sui sentieri. Con i Comuni ci siamo attivati e abbiamo potenziato tutti i servizi che ci competono. Uno dei principali obiettivi, con l'aumento del personale a disposizione compresi i Forestali, sarà quello di avere continui controlli. In proposito sui sentieri, in particolare sul Volastra Corniglia, avremmo nuovi presidi. Abbiamo attivato una convenzione con le Gev e il Soccorso alpino. Quest'ultimo, che rafforzerà la sua presenza fino a ottobre, sarà sui sentieri per consigliare, aiutare e assistere chi è in difficoltà. Inoltre, è stato dotato di un nuovo mezzo proprio dal Parco Nazionale”.

Serenità per i turisti e lotta al congestionamento anche nella parte “bassa” del Parco sono altri due elementi che la direzione mette sul tavolo della stagione cominciata alla fine di marzo. “In accordo con i comuni saranno presenti anche i carabinieri in pensione ai quali toccherà il compito di vegliare nelle zone dei borghi anche per evitare i congestionamenti, ad esempio, nel tunnel a Riomaggiore e nelle stazioni ferroviarie. Saranno presenti anche i monitor che comunicheranno le eventuali allerte e la pressione antropica sui sentieri”.
Riguardo allo “stop” di ciabattine e calzature non idonee su e giù per i sentieri c'è una curiosità: gli orientatori avranno una spillina con il segno di divieto. Un elemento curioso e comunicativo.
“Sulla questione delle sanzioni - ha aggiunto Scarpellini – non vogliamo che passi solo l'aspetto repressivo. Il nostro è un provvedimento volto alla sicurezza di chi ci visita e di chi deve intervenire per aiutarli in caso di emergenza. Vorremmo chiudere la stagione con zero 'multe'. Siamo comunque già in condizioni di farne ma possiamo dire con soddisfazione che le recenti disposizioni dell'ordinanza sono state recepite soprattuto dai turisti stranieri”.

“Un elemento sul quale dobbiamo lavorare ancora molto - ha aggiunto Scarpellini - è il Parkway che potrebbe fornire delle vie alternative per raggiungere le stazioni ferroviarie. Sarebbe anche davvero importante che aumentasse l'acquisto della card online. Questo aiuterebbe molto a decongestionare le stazioni ferroviarie”.

Come detto, alcuni di questi elementi verranno messi in evidenza nell'analisi del questionario di Legambiente che assieme al Parco cerca di promuovere e salvaguardare tutti i territori con particolare attenzione a quelli più fragili.
“Le Cinque Terre - ha spiegato Santo Grammatico di Legambiente Liguria - sono il classico esempio di un territorio dove alcuni turisti arrivano completamente impreparati e disinformati mettendo a rischio la propria sicurezza e quella degli altri. La riflessione da fare è se devono intervenire terzi, i turisti devono informarsi. In questo ambito il Parco nazionale delle Cinque Terre ha fatto molto partendo dall'ordinanza che vieta le calzature non idonee e informare le persone che non lo fanno. Il turista moderno deve conoscere il territorio che visita. E' un problema globale basti pensare alle immagini di quelli che affrontano i ghiacciai con le scarpe da ginnastica. Questo è un turismo dannoso che va anche in contrasto con le comunità locali. Fortunatamente per le Cinque Terre c''è un'informazione di base incisiva. Questo è un risultato, mancano alcune modalità dell'autoprotezione. Il Parco ha fatto un ottimo lavoro con le sue guide turistiche, persone tutte preparate che conoscono e vivono responsabilmente il territorio e il loro lavoro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News