Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 28 Febbraio - ore 16.53

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La resurrezione delle vie contadine

Recuperati gli storici percorsi da Monterosso ai monti di Pignone e da Fegina a Levanto. Sono già stati numerati ed inseriti nelle rete escursionistica della Regione Liguria.

A Monterosso
Manutenzione dei sentieri a Colla Bagari

Cinque Terre - Val di Vara - Tornano a nuova vita due storici sentieri in territorio comunale di Monterosso: uno, via diretta per Levanto; l’altro via di modesti commerci tra Cinque Terre e Val di Vara, nella fattispecie fra Monterosso e Pignone, compresa una serie di paesini e case sparse situati subito dietro il crinale, come Saggiano, Gaggiola, Garula, Puin. Quest’ultimo percorso, frutto di una proficua collaborazione fra i Comuni di Monterosso e di Pignone sancita da un finanziamento del PSR, parte dal centro storico di Monterosso, presso la sede comunale, e attraverso la scalinata Servano e il monte d’Aprile sale alla strada carrozzabile in località Begasti. La attraversa e, proseguendo l’ascesa tra fasce terrazzate abbandonate e selva compatta di lecci ed erica, raggiunge quota 500 metri sulla strada provinciale quasi al valico del Termine.

"Qui è stata pure creata un’area attrezzata e - aggiunge il sindaco di Monterosso, Emanuele Moggia – è iniziato il recupero di una porzione boschiva comunale con reimpianto di lecci, corbezzoli, cisto e ginestra".
Il sentiero, già marcato in REL con il n. 514, è percorribile attualmente dal Termine a Begasti, indicativamente sulla carrozzabile per il borgo antico. Resta la sistemazione del tratto basso. Desta meraviglia il ritrovato percorso superiore dentro una fitta selva di lecci, con integre e ripide scalinate. Su quella strada faticosa scendevano dai monti di Pignone le donne con il latte di mucca, le patate e i cavoli neri; gli uomini con legname e legna per i fornai. Al ritorno si portava a casa un po’ di sale, olio e acciughe salate. La gestione del sentiero sarà affidata al Parco nazionale delle Cinque Terre, che intanto sta ultimando l’altra via importante, quella da Fegina a Colla Bagari, pure beneficiaria di un finanziamento del PSR monterossino. Tale sentiero, a sua volta marcato in REL col n. 513, nella parte superiore è già percorribile. I lavori sono in corso nel tratto inferiore e comportano anche l’imprevisto aggiramento di una frana. Come accaduto sopra Begasti, anche in quest’area sono riapparse scalinate e fasce terrazzate dove un tempo prosperavano la vite e l’olivo.

L.B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News