Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Agosto - ore 22.35

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Heydi Bonanini: "Il 30 per cento della produzione del nostro vino va all'estero"

Heydi Bonanini: `Il 30 per cento della produzione del nostro vino va all´estero`

Cinque Terre - Val di Vara - Ztl e la tassa per portare i prodotti ai ristoratori. Ecco un altro tema da approfondire per i produttori sulla recente introduzione della tassa per accedere alla Ztl nella zona di Monterosso e Vernazza. Luigi Grillo ha sottolineato che non è ammissibile che si debba pagare per rifornire le cantine dei borghi di prodotti autoctoni.
Il presidente del Consorzio Heydi Bonanini ha spiegato che nei due Comuni rivieraschi qualcosa di muove, le tasse ammontano a 250 euro a Monterosso e 190 euro a Vernazza, qualcosa si muove. Con l'intervento del sindaco Resasco è già previsto uno sconto e altre modalità per abbattere i costi che i produttori devono sostenere per le cantine da rifornire.
"Relativamente ai nuovi piani del traffico dei Comuni - ha detto Bonanini - ho scritto ai sindaci e al Parco nazionale delle Cinque Terre spiegando che l'unico argine del territorio sono le aziende e i produttori. Trovavo offensivo che fossimo paragonati a coloro i quali vivono sulle spalle delle Cinque Terre e in realtà con il territorio non c'entrano, non siamo dei fornitori. Vernazza ci ha già teso la mano e darà la gratuità alle aziende agricole e ci aspettiamo lo stesso dal Comune di Monterosso. Conosciamo il nostro peso e non è paragonabile al turismo, noi comunque come consorzio dobbiamo mettere in condizione tutti i produttori di poter lavorare e fare gola anche a chi vorrebbe aprire delle aziende. Per questo vogliamo che venga applicata la legge delle terre incolte e lo abbiamo già fatto presente ad un funzionario della Regione Liguria".
"La stessa legge - ha proseguito - emanata dalla Regione che però non viene applicata. Sostanzialmente permette che dopo due anni di abbandono e non utilizzo il vicino possa intervenire come tutore per il mantenimento del terreno per vent'anni. E' chiaro che ci saranno lungaggini burocratiche ma permetterebbe più lavoro e la lotta all'abbandono. Chi coltiva la terra deve poterlo fare".

"Alle Cinque Terre si producono poco meno di 500mila bottiglie all'anno - ha concluso Bonanini - . A fronte di 2,5 milioni di turisti è impensabile che le nostre cantine per il 30 per cento vadano all'estero. L'economia deve diventare "chiusa". Se le Cinque Terre avessero più richieste noi dovremmo quintuplicare il territorio e noi avremmo voglia di farlo".
La richiesta dei produttori tocca anche il Parco Nazionale delle Cinque terre, ritengono assolutamente necessario un Piano del parco. L'occasione per la riflessione sarà sempre sabato, dalle 10 del mattino a Riomaggiore per l'edizione 2017 del "Festival del Passito delle Cinque Terre".







Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure