Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 30 Ottobre - ore 19.54

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Gli adulti dell’Azione cattolica nell’Oasi di Carro

l'iniziativa
Gli adulti dell’Azione cattolica nell’Oasi di Carro

Cinque Terre - Val di Vara - Ci voleva un’iniezione di gioia dopo tanta tensione da pandemia. E’ stata, per gli adulti di Azione cattolica della diocesi, la gioia di vivere insieme il “campo” tenutosi alla Cerreta di Carro, nell’Oasi delle suore Gianelline, dal 21 al 22 agosto: un “campo” breve ma intenso nella preghiera, nell’ascolto, nelle riflessioni e nell’amicizia. Lo hanno guidato don Andrea Santini, don Massimo Rosasco, Andrea Valentini e l’assistente diocesano don Pietro Milazzo. Il titolo della due giorni era “Con bastone e calzari”, a ricordo del libretto scritto dal vescovo Mansueto Bianchi, assistente nazionale di Azione cattolica, prematuramente scomparso. Tema era invece l’esortazione apostolica “Evangelii gaudium” di Papa Francesco, presentata sotto diverse angolature. Nelle relazioni e nelle discussioni è emersa la gioia offertaci da Gesù risorto, che ci assicura la Sua presenza fino alla fine del tempo. “Che fare?”, chiedeva Pietro. Ebbene, con l’aiuto di Gesù tutti siamo chiamati non a fare cose nuove, ma a vivere in modo nuovo la ferialità nel mondo di oggi, che è dono di Dio. Siamo chiamati tutti ad evangelizzare, portando i fratelli all’incontro con l’unico verso evangelizzatore, il Signore. A noi spettano l’annuncio e la correzione fraterna, senza arroganza o giudizio. Sempre in cammino, cerchiamo di offrire ciò che abbiamo prima sperimentato nella nostra vita: il Suo amore. A volte siamo scoraggiati, costatando tante indifferenze, egoismi ed anche opposizioni. Molto spesso, però, ciò è dovuto ad ignoranza del pensiero della Chiesa, oltreché alla presunzione di potersi salvare da soli. Il Papa ci propone dunque una santa inquietudine nei confronti del mondo: siamo tutti missionari in quanto cristiani battezzati, in un contesto che muta ma nel quale il Signore è sempre lo stesso, che ci invita ad accogliere con stupore il dono di ogni giorno, a sognare insieme come popolo di Dio, a non “richiamare” i lontani, bensì a raggiungerli. Questi sono dunque i compiti dei laici di Azione cattolica per vivere la proposta essenziale del Concilio Vaticano II: la corresponsabilità e la reciprocità. Il pensiero conclusivo, offerto dal neopresidente diocesano Stefano Lorenzini, ha fatto riflettere sulla Chiesa che conquista per attrazione, non per proselitismo: “Siamo qui perché dall’Azione cattolica abbiamo ricevuto molto nella maturazione come persone sia nella vita spirituale sia in quella comunitaria”. Amabile e sorridente, come sempre, l’accoglienza delle suore Gianelline.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News